F1, GP Bahrain: Leclerc porta la Ferrari in pole

di Redazione | 19 Marzo 2022 @ 19:20 | SPORT
ferrari
Print Friendly and PDF

Sono trascorsi 15 anni esatti dall’ultima volta che una Ferrari si è schierata sulla prima casella dello schieramento in occasione del Gran Premio inaugurale di una stagione del Circus. Era il 2007, il GP era quello d’Australia e al volante della F2007 sedeva Kimi Raikkonen.

Oggi, al termine delle qualifiche del Gran Premio del Bahrain, ha provveduto Charles Leclerc a spezzare quella che sembrava ormai una maledizione. Il monegasco ha infatti conquistato la pole position al termine di una sessione intensa, serrata, che solamente nel corso dei minuti conclusivi lo ha visto prevalere sul sempre veloce Max Verstappen. L’olandese della Red Bull chiude infatti 2°, promettendo battaglia nella gara di domani e precedendo l’altra Ferrari dello spagnolo Carlos Sainz.

4° è Perez, mentre ad aprire la terza fila provvederà Lewis Hamilton: l’inglese non si trova ancora del tutto a proprio agio con una bizzosa Mercedes W13, ma limita i danni e si mette davanti alla sorprendente Alfa Romeo di Valtteri Bottas e all’altrettanto sorprendente Haas di Kevin Magnussen. 8° è il mai domo Alonso, mentre non va oltre la 9^ piazza George Russell: il #63 si trova alle prese con una Freccia d’Argento tutt’altro che facile da scoccare, e nelle qualifiche che hanno inaugurato questa rivoluzionaria stagione 2022 del Circus si è dovuto accontentare di precedere nella top ten il solo Pierre Gasly.

Appena fuori dai primi dieci c’è Esteban Ocon, che precede Mick Schumacher e Lando Norris. Il #4 della McLaren è riuscito solamente in parte a raddrizzare un fine settimana nato storto per la scuderia di Woking, che vede la seconda delle proprie vetture uscire addirittura nel corso della prima manche delle qualifiche. Buono è il ritorno in F1 di Alexander Albon, che porta la sua Williams in 14^ piazza, mentre chiude al 15° posto il rookie cinese Guanyu Zhou. Delude Yuki Tsunoda, che con il compagno di team in Q3 subisce l’onta dell’esclusione nella Q1, mentre fa quel che può Nico Hulkenberg: il tedesco, chiamato in extremis per sostituire il positivo Sebastian Vettel, nonostante i pochissimi km percorsi al volante della sua monoposto riesce infatti a tenersi dietro non solo la McLaren di Daniel Ricciardo ma anche – e forse soprattutto – la vettura gemella del teoricamente più esperto Lance Stroll, 19°. Chiude infine lo schieramento, dando seguito a un leitmotiv andato in scena per tutto il 2021, Nicholas Latifi, ultimo con la seconda delle Williams.

Ferrari


Print Friendly and PDF

TAGS