F1, GP Abu Dhabi: Verstappen vince davanti a Leclerc, 2° anche in campionato

di Stefano Nicoli

di Redazione | 20 Novembre 2022 @ 23:56 | SPORT
GP ABU DABI
Print Friendly and PDF

È ufficialmente calato il sipario sulla stagione 2022 di Formula 1. Palcoscenico dell’ultimo appuntamento del Mondiale è stato il GP di Abu Dhabi, e protagonista della gara che ha chiuso il campionato è stato invece Max Verstappen.

Il #1, al 15° sigillo personale in quest’annata da incorniciare per lui e la Red Bull, sul traguardo di Yes Marina ha preceduto Charles Leclerc e Sergio Perez. Questi ultimi, mentre l’olandese si involava in solitaria verso la vittoria, hanno dato vita a un intenso duello per un secondo posto in gara che valeva la piazza d’onore anche nella classifica piloti. A spuntarla, grazie a una coraggiosa strategia a una sola sosta e a un secondo stint semplicemente perfetto di Leclerc, è stato proprio il monegasco della Ferrari: il #16 ha preceduto il messicano di 1”3, riuscendo così a mettere una delle F1-75 davanti a una delle velocissime RB18.

Alle spalle del #11 e quindi ai piedi del podio è arrivato invece Carlos Sainz, che ha preceduto George Russell – rallentato da un pit stop lento e da una penalità di 5” comminatagli per unsafe release – e Lando Norris, ottimo 6° davanti a Esteban Ocon e a un Lance Stroll in grado di chiudere 8° dopo essere scattato dalla 18^ casella dello schieramento. 9^ posizione per Daniel Ricciardo, in lacrime nell’abitacolo della sua McLaren in quella che potrebbe essere la sua ultima gara in Formula 1, mentre chiude 10° Sebastian Vettel. Il tedesco, certo – a suo dire – di avere affrontato ad Abu Dhabi l’ultimo GP di F1 della sua carriera, conquista un punticino in un Gran Premio reso per lui più difficile del previsto da una strategia non esattamente ottimale. Il #5 saluta il Circus commosso, consapevole di avere dato tantissimo a questo mondo che ha saputo dal canto suo ripagarlo con un affetto smisurato, espresso a più riprese da piloti, addetti ai lavori e appassionati.

Appena fuori dai primi dieci chiude invece Yuki Tsunoda, che con la prima delle AlphaTauri precede l’Alfa Romeo di Guanyu Zhou e la Williams di Alexander Albon, 13^ davanti a uno spento Pierre Gasly. Non va oltre la 15^ posizione Valtteri Bottas, alle prese con l’ultimo atto di una fase calante della sua stagione, mentre le due Haas di Mick Schumacher e Kevin Magnussen terminano il GP di Abu Dhabi rispettivamente al 16° e 17° posto. Il tedesco, in particolare, è riuscito a chiudere la gara davanti al compagno di squadra nonostante sia rimasto colpevolmente coinvolto in un incidente con Nicholas Latifi.

Quest’ultimo, giunto ai titoli di coda della sua avventura in Formula 1, è stato sfortunatamente costretto al ritiro da un guasto pochi giri dopo essere stato colpito dalla Haas del tedesco. Assieme al canadese, a non essere transitati sotto la bandiera a scacchi sventolata a Yas Marina sono stati anche Lewis Hamilton – a secco di vittorie stagionali per la prima volta dall’esordio datato 2007 – e Fernando Alonso: i due hanno dovuto alzare bandiera bianca per via di noie tecniche, che hanno fermato la Alpine dello spagnolo prima e la Mercedes dell’inglese poi.

Ora, dopo una stagione intensa e combattuta, la Formula 1 chiude i battenti e si prepara a godersi un meritato riposo che non sarà però poi così lungo. Ai test che daranno il via al campionato 2023, in fondo, mancano poco più di tre mesi…

GP ABU DABI


Print Friendly and PDF

TAGS