Special olympics, la ‘Torch run’ illumina le piazze d’abruzzo

Lunedì 4 l’arrivo all’Aquila, per poi arrivare martedì 5 a Pescara e terminare il 6 aprile a Sulmona

di Redazione | 02 Aprile 2022 @ 09:48 | SPORT
special olympics
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – La Torch Run, celebrata in ogni sua tappa, rappresenta l’occasione per annunciare l’arrivo di un grande evento preparando le comunità ad accogliere gli atleti Special Olympics – la più grande organizzazione sportiva al mondo per le persone con disabilità intellettiva  – protagonisti dei XXXVII Giochi Nazionali Estivi Torino 2022. Con 44 tappe in tutta Italia, quest’anno in particolare il Torch Run assume un valore di rinascita, di ripartenza dei Giochi Nazionali Special Olympics tornati ad essere organizzati finalmente in presenza.

La fiamma coglie l’essenza dell’attività realizzata quotidianamente in tutto il mondo da tantissimi atleti e volontari Special Olympics. L’augurio è che il coinvolgimento si consolidi sempre di più e si traduca nella possibilità di far partecipare anche in futuro tante persone a questo straordinario viaggio verso l’inclusione.

La Torch Run è partita il 18 marzo da Udine, nella regione che ha ospitato gli ultimi Giochi Nazionali Invernali, e terminerà il suo percorso il 5 giugno a Torino in occasione della cerimonia di apertura quando, presso lo Stadio Olimpico Grande Torino, accenderà il tripode dando il via ufficiale ai Giochi.

Lunedi 4 aprile partirà da L’Aquila la Torch Run di Special Olympics per poi arrivare martedì 5 aprile a Pescara in piazza Salotto per terminare il 6 aprile a Sulmona alla rotonda San Francesco.

L’evento rappresenta un messaggio forte per lo sport inclusivo di cui Special Olympics è promotore.

In Abruzzo l’evento del Torch Run si è avvalso della collaborazione dell’Ufficio scolastico regionale- Coordinamento Educazione fisica con il coinvolgimento delle Istituzioni scolastiche in tutte e tre le tappe, come anche quella di tutti i Comuni interessati dal passaggio della torcia: L’Aquila, Pescara, Pratola Peligna e Sulmona. Anche le Prefetture di L’Aquila e Pescara con le loro Questure e la Polizia di Stato hanno fatto sì che il passaggio della torcia avesse la giusta attenzione e importanza.

Diversi Club Service, quali la Divisione 11 del Kiwanis Abruzzo-Puglia ed il Club Panathlon sempre vicini ai giovani ed al mondo sportivo, hanno accolto l’invito a collaborare per la migliore riuscita della manifestazione

A dar lustro al Torch Run ci saranno atleti di interesse nazionale ed internazionali: Fabrizio Filoni  e Olivia Piacentini, campioni mondiali nello Sleggdog; Federico Arnone, campione europeo a squadre e vicecampione Italiano di Karate; Lorenzo Salvati, giovanissimo aquilano campione italiano nei 200 farfalla; Fabrizia D’Ottavio, pluricampionessa olimpica e mondiale di Ginnastica Ritmica e l’attore Federico Perrotta.

Ogni tappa prevede un tragitto dove la torcia passerà di mano in mano, una staffetta composta da atleti e volontari Special Olympics, forze dell’ordine, Polizia di Stato, Polizia municipale, runners di diverse associazioni podistiche e, nel caso dell’Aquila, la partecipazione anche dei custodi del Fuoco del Morrone di Celestino V.

Il Torch Run vuole catalizzare l’attenzione sull’attività di Special Olympics Italia, realtà da sempre impegnata per il riconoscimento delle persone con disabilità intellettive, da valorizzare per le loro capacità e non discriminare per le loro diversità.

La fiaccola è stata consegnata il 28 marzo scorso a Bologna all’atleta abruzzese Demetra Emanuele ed ha raggiunto il capoluogo di regione dove è stata consegnata al vicepresidente del Consiglio regionale Roberto Santangelo per la sua custodia fino al 4 aprile, giorno della prima tappa in Abruzzo.

Lunedì all’Aquila la torcia partirà alle ore 10,00 circa nei pressi della Questura per arrivare in Piazza Duomo dopo un percorso di 1.300 metri che attraversa viale Gran Sasso, largo Battaglione Alpini-Fontana Luminosa, Corso Vittorio Emanuele II, Quattro Cantoni. In piazza alle ore 10,30 circa l’accensione del tripode, davanti la chiesa di Santa Maria del Suffragio.


Print Friendly and PDF

TAGS