Santangelo su sanità e PNRR: “Internalizzare operatori sanitari Asl 1”

di Redazione | 29 Marzo 2022 @ 10:25 | POLITICA
internalizzare
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  –  Il vicepresidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo, Roberto Santangelo parla delle opportunità che offre il PNRR per internalizzare gli operatori sanitari Asl 1. 

“Ritengo sia doveroso cogliere l’opportunità che il PNRR offre alla sanità, in particolare a quella abruzzese, per riallinearci al paradigma virtuoso offerto dalla ASL di Chieti che, in forza di un percorso iniziato nell’estate del 2021, ha recentemente provveduto alla reinternalizzazione delle attività socio-sanitarie garantite da personale OSS appartenente a Cooperative sociali in forza di un contratto di appalto; nello specifico presso la ASL2 ad oggi sono stati internalizzati circa 160 Operatori Socio Sanitari. La necessità di procedere ad una graduale riduzione dell’utilizzo dei contratti in somministrazione e alla reinternalizzazione delle attività socio-sanitarie attualmente appaltate, propende alla valorizzazione e conservazione delle competenze acquisite nonché al dovuto riconoscimento professionale ai lavoratori del settore, mettendoli al riparo, tra l’altro, dalla censurabile consuetudine di stipule contrattuali che non sempre corrispondono a quanto stabilito nel CCNL; la dignità della persona e del lavoratore và di pari passo ad un servizio sanitario di qualità afferma Santangelo. Progetto pilota per la nostra ASL1 potrebbe essere quello relativo ai lavoratori socio- sanitari della RSA di Montereale, struttura di assistenza territoriale che attualmente si avvale di personale medico ASL e di personale paramedico contrattualizzato da Cooperative del settore; opportuno e doveroso è ridiscutere la posizione di detti lavoratori in virtù della del fatto che è scaduto in questi giorni il contratto in essere con la Cooperativa di riferimento. E’ mia intenzione convocare un tavolo con il management della ASL1-Avezzano- Sulmona-L’Aquila per proporre un percorso di internalizzazione del servizio nella nostra struttura sanitaria applicando la clausola sociale a salvaguardia degli operatori fino ad oggi contrattualizzati da Cooperative; sono convinto del positivo risvolto che si potrebbe avere in termini di arricchimento professionale e di mantenimento del livello occupazionale, certo che tale iniziativa potrà trovare una giusta collocazione all’interno del progetto di ristrutturazione e di riqualificazione che si stà portando avanti all’interno della ASL1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila.” conclude il vicepresidente riferendosi alle possibilità per internalizzare gli operatori dell’Asl1. 


Print Friendly and PDF

TAGS