MotoGP, GP del Qatar: nelle qualifiche è 1-2 Ducati

di Stefano Nicoli

di Redazione | 05 Marzo 2022 @ 18:33 | SPORT
MotoGP
Print Friendly and PDF

MotoGP, GP del Qatar: 1’53”011. È questo il limite imposto da Jorge Martin e dalla sua Ducati al termine delle qualifiche del Gran Premio del Qatar, primo appuntamento stagionale del Motomondiale 2022. Lo spagnolo di Pramac, che già lo scorso anno aveva saputo impressionare per la sua velocità sul giro secco, conferma il proprio talento e mette in riga tutti i suoi avversari sull’asfalto di Lusail.

Alle sue spalle, dimostrando l’enorme miglioramento sul giro secco da lui stesso riscontrato nel corso delle sessioni di test pre-stagionali, si piazza Enea Bastianini. L’italiano del team Gresini è stato autore di un ultimo giro eccezionale, che lo ha portato a chiudere queste qualifiche con soli 147 millesimi di ritardo rispetto al crono di Martin. 3°, sfruttando il traino di Joan Mir prima e di Pecco Bagnaia poi, è Marc Marquez: il #93 ha già dichiarato di volere tornare a puntare al bersaglio grosso in questa stagione 2022, e la cattiveria, la velocità e l’astuzia sfoderate nel corso delle qualifiche del Qatar non hanno fatto altro che dimostrare la veridicità delle sue affermazioni. Ad aprire la seconda fila provvede Jack Miller con la prima delle Ducati ufficiali, mentre in 5^ e 6^ piazza chiudono i due fratelli Espargaro: l’Aprilia di Aleix precede la Honda di Pol, a propria volta davanti alla KTM di Brad Binder (assieme a Fabio Quartararo passato indenne dalla Q1).

8° è Joan Mir con la Suzuki, mentre si accontenta di una 9^ posizione Pecco Bagnaia: il #63 non è andato oltre un 1’53”411, pagando così quattro decimi esatti dal poleman Martin. A completare la top provvede Alex Rins, mentre alle due Yamaha ufficiali non resta che piazzarsi all’11° e 12° posto: Fabio Quartararo non va oltre un 1’53”635, sufficiente a fargli precedere nella seconda e decisiva manche delle qualifiche il solo compagno di team Franco Morbidelli, che accusa 971 millesimi di ritardo dalla prima posizione.

Il primo dei piloti esclusi dalla Q2 è Johann Zarco, che con la propria Ducati si mette alle spalle la KTM di Miguel Oliveira e la Ducati del rookie Marco Bezzecchi: l’italiano, debuttante nella classe regina in sella a una GP21 della passata stagione, porta al termine un’ottima qualifica d’esordio togliendosi la soddisfazione di chiudere davanti a piloti con ben più esperienza di lui. Si schiererà sulla 15^ casella della griglia di partenza Takaaki Nakagami, che in 1’54”038 si tiene dietro Luca Marini, Alex Marquez e Maverick Vinales: il #12 non sembra ancora avere trovato il giusto feeling in sella alla sua Aprilia, ed è dunque costretto a fare da spettatore alla buona prestazione messa in scena durante la Q2 dal compagno di squadra. Non va oltre la 19^ piazza Andrea Dovizioso, con la sua Yamaha davanti alla Ducati dell’esordiente Fabio Di Giannantonio, mentre a completare lo schieramento provvedono le due KTM dei rookie Gardner e Fernandez e la M1 di Darryn Binder, che non riesce ad andare oltre l’1’56”011.

Ducati


Print Friendly and PDF

TAGS