Incassi ridotti, il Comune anticipa 1,2 milioni ad Ama per far fronte alle spese

di Alessio Ludovici | 25 Febbraio 2022 @ 06:00 | ATTUALITA'
ama
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – La prima commissione consiliare, Bilancio e Programmazione, presieduta dal consigliere Luigi Di Luzio, si è riunita per discutere su quattro proposte di delibere consiliari. Via libera alla delibera che prevede l’anticipo ad Ama di circa 1,2 milioni di euro a valere sul contratto di servizio.   “All’interno del contratto di servizio – ha spiegato l’assessore Mannetti –  diamo la possibilità all’azienda di chiedere un’anticipazione che si è resa necessaria perché c’è stato uno sfasamento tra entrate ed uscite, in parte per ritardi della Regione nei pagamenti ma soprattutto per una riduzione degli incassi per circa un milione.” L’alternativa per la società era andare in sofferenza nei pagamenti e così ha chiesto l’anticipazione che in teoria verrà scomputava in 10 rate sul valore del contratto di servizio. La delibera, approvata a maggioranza, è stata l’occasione per fare il punto su Ama, e la discussione, ha proposto la Mannetti, potrà essere ulteriormente approfondita in una seduta ad hoc.  E’ ancora aperta la “vertenza” con la Regione sul contributo per i chilometri percorsi, vicenda su cui il Comune sconta una disparità di trattamento evidente con altre città.

In seconda battuta la commissione ha approvato lo schema di protocollo d’intesa per la realizzazione della stazione in uscita su viale Rendina del tunnel di collegamento del terminal di  Collemaggio e una cessione volontaria di aree occupate per la realizzazione di via Ficara. Via libera anche alla trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà come conseguenza della cessione di aree edificate da varie cooperative dei vecchi piani Peep. Secondo la nuova normativa, il Comune avrebbe 90 giorni una volta approvata la delibera per rispettare le richieste. Sono ventuno le domande che il  Comune ha individuato, sono le domande che giacciono nel settore Patrimonio, ma l’elenco delle cooperative nella stessa situazione è ben più corposo. 


Print Friendly and PDF

TAGS