Addio al ‘prof di tutti’, Mario Di Gregorio

di Marianna Gianforte | 02 Aprile 2022 @ 16:37 | CRONACA
professor mario di gregorio
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Si è spento a 72 anni dopo una lunga malattia Mario Aurelio Di Gregorio, professore di ruolo dell’Università dell’Aquila, dove insegnava Storia delle scienze e delle tecniche nella facoltà di Scienze umane. Originario di Milano, dove era nato, Di Gregorio aveva lasciato l’insegnamento, andando in pensione, nel novembre del 2020, e viveva da diversi anni nel Comune di Tornimparte, circondato dai suoi gatti.

Di Gregorio era molto conosciuto e amato dai suoi studenti e dalle studentesse, ma anche da coloro che poi sono diventati i suoi concittadini tornimpartesi, che sono sgomenti per la perdita di una persona dalla grandissima cultura e  acume non comune. Nella sua casa di Tornimparte spesso gli studenti venivano a trovarlo, aveva lasciato in ciascuno di loro un’impronta, un arricchimento, di cui andava fiero.

Il ‘prof’, come veniva chiamato affettuosamente, aveva studiato a Milano e allo University College di Londra, insegnato poi in varie città: da Milano a Cambridge, a Cape Town (Sudafrica), in Ohio, infine L’Aquila. Sconfinato il suo curriculm di intellettuale che aveva girato il mondo anche per partecipare e presenziare a convegni, letture e seminari sulle scienze. In poche ore nel pomeriggio di oggi la sua bacheca si è riempita di foto ricordo e dei messaggi di cordoglio lasciati dagli amici, dai colleghi e soprattutto dagli studenti e dalle studentesse che spesso lo volevano con loro nei festeggiamenti delle lauree di cui il professore era relatore.

IL CORDOGLIO DEL COMUNE DI TORNIMPARTE. 

“Mario Di Gregorio ci ha lasciati. È stato professore ordinario di Storia della scienza al dipartimento di Scienze Umane dell’Università degli Studi dell’Aquila e, tra le tante altre cose, Visiting Professor al Department of Historical Studies dell’Università di Cape Town, incarico di cui andava estremamente fiero. Si era trasferito nel Comune di Tornimparte dopo il sisma del 6 aprile 2009 e aveva scelto di restarci. Grande studioso e persona di una umanità rara, aveva tra i suoi punti di riferimento filosofici John Stuart Mill e Bertrand Russell. ‘Studiamo la filosofia per imparare a vivere felici’,diceva sempre; e la stessa felicità ‘si ottiene attraverso azioni che portino bene agli altri esseri, umani e non umani’. Si faceva spesso portavoce dell’importanza di concetti quali la diversità, l’inclusione e la cooperazione che, sommati a una buona istruzione, porterebbero al raggiungimento di uguaglianza e libertà. Lascia un enorme vuoto tra i suoi studenti e tra tutti coloro che hanno avuto la possibilità di incrociarlo nel loro percorso. Ci mancheranno la sua ironia e il suo sguardo sulle cose del mondo. Ciao, Professore!

(Nella foto il professore con i suoi gatti Willy e Mina).

“Mario Di Gregorio per tutti noi, era semplicemente ‘il Professore’, un uomo di scienza che aveva scelto Tornimparte quale sua dimora”. Con queste parole l’ex sindaco di Tornimparte e oggi presidente del Consiglio comunale Giacomo Carnicelli ricorda il suo concittadino:

“Un’anima bella che ci ha dato tanto e non solo dal punto di vista scientifico (quando, qualche tempo fa, ha raggiunto la meritata pensione, ha donato alla biblioteca della Proloco di Tornimparte parte dei suoi volumi scientifici contribuendone, in modo determinate, alla crescita) ma, anche e soprattutto, dal lato umano. Tornimparte non lo dimenticherà”.

Tanti i testi rimasti nella sua a casa nel piccolo quartiere di ‘Carnicella’, a Villagrande, che, speriamo, vengano recuperati e valorizzati. 


Print Friendly and PDF

TAGS