Zes Abruzzo, Magnacca: “La sfida all’innovazione si misura con nuove infrastrutture”

di Redazione | 26 Giugno 2024 @ 15:34 | POLITICA
Superbonus taglio
Print Friendly and PDF

PESCARA – “La Regione Abruzzo c’è nelle scelte e nell’individuare strategie e azioni finalizzate alla crescita dell’economia regionale. Il percorso seguito per la zona Zes Abruzzo ha consentito di leggere la situazione complessiva nelle quattro province e a ridisegnare l’intero quadro produttivo abruzzese, garantendo i fondi e destinando nuove opportunità”, afferma l’assessore alle Attività Produttive e del Lavoro, Tiziana Magnacca, che interviene dopo l’approvazione da parte della Cabina di regia presso Palazzo Chigi della sesta rata del PNRR per 8,5 miliardi di euro – l’Italia è la prima tra i Paesi europei – per la riduzione dei divari economici nei territori.

Su questo fronte l’Abruzzo ha fatto la sua parte con il grande impegno del presidente della Regione Marco Marsilio e che oggi vede per la Zes unica nella cabina di regia la presenza tecnica del prof. Stefano Cianciotta.

“Non si negano dei ritardi che si sono accumulati per essere giunti all’istituzione di un’unica Zes per il Mezzogiorno e che comprende le regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna. Certamente sarebbe stato auspicabile un percorso più veloce, ma è indubbio il lavoro sino ad ora svolto per riconsiderare le aree industriali di questa regione come strategia dello sviluppo dell’intero Paese”, aggiunge l’assessore Magnacca.

“Dopo l’approvazione della sesta rata del PNRR sono stati messi in sicurezza le opere già affidate in precedenza e strategiche per le infrastrutture della nostra regione e quindi per la sua competitività. Allo stesso tempo abbiamo ricevuto rassicurazioni, attraverso il lavoro svolto a Roma, che arriverà in tempi ragionevoli il provvedimento che costituirà la stazione appaltante di secondo livello in Regione Abruzzo, che gestirà direttamente le opere programmate messe in salvaguardia con la sesta rata.

Quanto al regime di agevolazione del credito d’imposta, esso è stabilito da regole europee e non italiane, ed in forza del quale altre regioni meridionali hanno criteri diversi essendo inserite in aree con altri obiettivi di crescita”.

“Tuttavia siamo in prima linea per garantire che questa occasione di crescita e che le risorse non vadano perdute continuando il lavoro che da mesi addietro Regione Abruzzo sta compiendo per garantire non solo il raggiungimento degli investimenti infrastrutturali offerti dalla Zes, ma anche le opportunità che mette a disposizione delle aziende. Con l’impegno dell’assessore D’Annuntiis porteremo a compimento le infrastrutture previste per l’Abruzzo a sostegno dello sviluppo territoriale”, conclude l’assessore alle Attività Produttive e al Lavoro Magnacca.


Print Friendly and PDF

TAGS