Visite fiscali malattie: “Fasce orarie di reperibilità illegittime”

di Redazione | 10 Dicembre 2023 @ 05:10 | UTILI
visite fiscali malattia INPS
Print Friendly and PDF

Il TAR Lazio con Sentenza N. 02760/2018 REG.RIC, in merito al ricorso del sindacato UIL P.A. Polizia Penitenziaria, contro la Presidenza del Consiglio dei Ministri e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha dichiarato l’illegittimità delle fasce orarie di reperibilità, destinate alla visita fiscale per i dipendenti pubblici poiché non armonizzate con il settore privato.

Il TAR Lazio ha annullato la visita fiscale oggetto di ricorso perché effettuata nelle fasce orarie di reperibilità, destinate alla visita per i dipendenti pubblici dalla legge Madia, poiché non armonizzate con il settore privato (in pratica 7 ore a fronte di 4 nell’arco di una giornata) oltre che, cosa ancor più incisiva, appare che le motivazioni addotte dalla parte resistente tendano più a far desistere il lavoratore pubblico dal ricorso alla malattia che ad una migliore gestione della visita in sé.

Fasce di reperibilità:
Con il termine “fasce di reperibilità” si fa riferimento dei due periodi di mattina e pomeriggio in cui il dipendente, che ha ottenuto il certificato di malattia, deve risultare reperibile presso l’indirizzo di reperibilità comunicato all’Inps. Ricordo che la trasmissione del certificato di malattia all’Inps viene effettuata telematicamente a cura del medico curante.

Certificato di malattia:
Il certificato di malattia è l’attestazione, rilasciata dal medico curante o dal Sistema Sanitario Nazionale per giustificare l’assenza per malattia dal lavoro. Tale certificato viene inviato telematicamente all’Inps dal medico curante. Il datore di lavoro può verificare il certificato telematicamente.

Fasce di reperibilità prima della sentenza di illegittimità.


Print Friendly and PDF

TAGS