La caserma dei Carabinieri si tinge simbolicamente di arancione

Nel pomeriggio di ieri, una delegazione del Soroptimist Club dell'Aquila è stata ricevuta dal colonnello Giovanni Falso

di Redazione | 26 Novembre 2023 @ 05:00 | ATTUALITA'
Carabinieri
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Il comando provinciale carabinieri dell’Aquila anche quest’anno partecipa alla campagna internazionale “Orange the World”, promossa dalle Nazioni Unite, che coincide con la “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”. 

L’evento prevede lo svolgimento di iniziative di sensibilizzazione delle istituzioni, della società civile e dei media, colorando simbolicamente di arancione, edifici monumenti e strade.

Il Comandante provinciale dei Carabinieri, Col. Nicola Mirante e la presidentessa del club Soroptimist International del capoluogo, prof.ssa Flavia Stara, sostengono fortemente l’iniziativa e hanno riproposto, anche quest’anno, l’illuminazione color arancione (colore simbolo scelto dall’UN Women –Ente delle Nazioni Unite– per simboleggiare un futuro senza violenza sulle donne) all’ingresso della caserma dove ha sede il comando.

L’edifico, emblema di legalità a tutela delle fasce più deboli della popolazione, ospita una delle oltre 150 stanze distribuite su tutto il territorio nazionale, che permettono l’ascolto protetto delle vittime della violenza di genere.

Il locale è stato allestito tre anni fa nell’ambito del progetto “Una stanza tutta per sé”, sostenuto dall’Associazione Soroptimist International

La disponibilità di tale risorsa, abbinata alle competenze dei militari appositamente formati, ha favorito e favorisce l’accoglienza, in un ambiente meno “istituzionale”, delle vittime di abusi che chiedono aiuto ai militari dell’Arma. 

Nel corso di un incontro che si è tenuto ieri pomeriggio nella ‘Stanza’ della Caserma dei Carabinieri, la presidente del Soroptimist Club L’Aquila, Flavia Stara e le socie Gianna Colagrande, Nora Concordia e Michela Santoro hanno ribadito al Colonnello Giovanni Falso, l’importanza del protocollo in essere tra l’Arma dei Carabinieri e il Soroptimist, sottoscritto nel 2015 allo scopo di sostenere la donna nel delicato momento della denuncia delle violenze subite.

“L’incontro di ieri pomeriggio – ha dichiarato Flavia Stara – ha offerto l’occasione per analizzare i dati di violenza di genere riscontrati nel territorio della provincia dell’Aquila, nonché per riflettere sulle possibili strategie educativo-culturali da attivare nel tessuto sociale per rafforzare e sostenere consapevolezza e pratiche di rispetto per le scelte di ogni persona”.

Continua, intanto , la campagna di sensibilizzazione portata avanti dal Comando Generale dell’Arma anche attraverso il sito istituzionale,  gli slogan e i social network.

“Ri-tingere” di arancione le pareti  esterne del comando provinciale, aderendo al progetto “Orange the World”, è un segnale di vicinanza a tutte le donne che subiscono violenze, e il successo istituzionale è quello di incoraggiare loro a proporre denuncia. 

Altre iniziative ci sono state nell’aquilano, proprio stamattina il comandante della compagnia di Castel di Sangro, capitano Giuseppe Testa, presso l’istituto scolastico comprensivo Alda Merini, ha coinvolto gli studenti delle elementari e medie in una profonda riflessione sul grave problema della violenza contro le donne. Non sono mancati momenti di confronto su come riconoscere i segnali della violenza che si manifesta sotto le diverse forme, da quella psicologica a quella economica, da quella fisica a quella sessuale, fino agli persecutori, e sugli strumenti a disposizione per contrastarla. 


Print Friendly and PDF

TAGS