Violenza di genere, alla Camera dei Deputati il cortometraggio abruzzese “La Preda”

di Redazione | 17 Aprile 2024 @ 12:57 | CULTURA
Print Friendly and PDF

Il cortometraggio made in Abruzzo “La Preda” è stato proiettato ieri nella prestigiosa sala stampa della Camera dei Deputati catturando l’interesse ed affascinando tutti i presenti all’evento.

L’appuntamento decisamente significativo nell’ambito del taccuino “Nuovi Linguaggi contro la Violenza di Genere”, è stato promosso dalla Presidente della Commissione Parlamentare d’inchiesta bicamerale sul femminicidio nonché su ogni forma di violenza di genere, On. Martina Semenzato.

Il corto, “La Preda”, scritto e diretto da Pierluigi Di Lallo, prodotto dall’Associazione pescarese Mama, è ambientato in Abruzzo, nel borgo di Guardiagrele (CH) e ha un cast completamente abruzzese. La proiezione, dicono dall’Associazione Mama, ”ha suscitato grande emozione in tutti i presenti dando impulso ad una profonda riflessione sul tema della violenza di genere”.

All’evento fortemente voluto dall’On. Martina Semenzato, era presente l’On. Guerino Testa (F.d.I.), il giudice penale Valerio De Gioia, il regista Pierluigi Di Lallo, la poliedrica produttrice e attrice protagonista Alessandra Relmi e gli attori coprotagonisti Federico Perrotta, Hermione Kitson e Ketty Felletti.

Durante l’incontro, la Presidente Semenzato ha sottolineato quanto sia “fondamentale un lavoro sinergico tra scuola, famiglie ed istituzioni per raggiungere un cambiamento culturale non ulteriormente procrastinabile” ed ha parlato della “importanza cruciale della denuncia in tutti gli episodi di violenza”, riconoscendo nel cinema uno strumento potente ed immediato per veicolare “messaggi sociali”.

“Siamo chiamati a utilizzare tutte le forme d’arte per sensibilizzare il pubblico su questioni così importanti”, ha sottolineato Semenzato nel suo intervento.

Alessandra Relmi, nel doppio ruolo di protagonista e di Presidente della associazione che ha prodotto lo short movie, ha condiviso con tutti i presenti “l’importanza di rappresentare, nel suo ruolo di vittima, la paura e contemporaneamente la forza delle donne”. Ha anche evidenziato “il potere della solidarietà femminile nel contrastare la violenza” ricordando, a tal proposito, che “grazie ai fondi raccolti nell’attività di promozione del cortometraggio è stata istituita, presso la Facoltà di Ingegneria Biomedica dell’Università di Pescara, una borsa di studio in ricordo di Giulia Cecchettin, il cui scopo sarà proprio quello di sostenere una giovane studentessa nel suo percorso di realizzazione futura e di indipendenza.”

Il regista Pierluigi Di Lallo ha espresso “l’orgoglio di aver potuto lavorare con un cast tutto abruzzese e di aver rappresentato, attraverso il suo lavoro cinematografico, la paura della vittima in una prospettiva insolita, a cui sicuramente non siamo abituati, ma che spinge ad una riflessione profonda sui ruoli di genere”.

L’Associazione Mama e tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione e alla promozione del cortometraggio esprimono “un profondo ringraziamento alla Presidente della Commissione parlamentare, On. Martina Semenzato, per aver sostenuto l’iniziativa e per aver concesso l’opportunità di presentare La Preda presso la Camera dei Deputati”.

Il ringraziamento di Aps Mama va inoltre, inoltre, agli sponsor e ai partner che hanno reso possibile la realizzazione di questo importante progetto cinematografico: Autoepi Group, Walter Tosto Spa, Dromedian, UniGross, Comunica Group, Mirus, Regione Abruzzo, Confimi Industria Abruzzo e Confimi Industria Gruppo Donne.


Print Friendly and PDF

TAGS