Via Verdi si rimette in moto, i commercianti: “Pronti alla ripartenza ma con la salute al primo posto”

di Mariangela Speranza | 16 Maggio 2020 @ 07:02 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – In centro storico è tempo di riaperture e, sarà l’aria estiva che si inizia a respirare o quell’atteggiamento di resilienza che caratterizza ormai da 11 anni gli aquilani, ma tutti i commercianti si dicono entusiasti e pronti ad accogliere i clienti dopo il lockdown imposto dal coronavirus.

Anche in via Verdi, dove si sta preparando ad alzare finalmente le serrande una di quelle attività storiche del capoluogo, Saracino Abbigliamento, per tante generazioni di aquilani una vera e propria istituzione che, dall’immediato post sisma, si era trasferita all’interno del centro commerciale Via Vicentini. Un ritorno, quello di lunedì prossimo che, per la titolare Francesca Saracino rappresenta una “doppia rinascita, sia rispetto al terremoto che al Coronavirus”.

“Abbiamo scelto tornare in via Verdi, per riprendere la nostra storia da dove l’avevamo lasciata nel 2009 – spiega a L’Aquila Blog -. Intorno a noi riapriranno anche altre attività e siamo tutti speranzosi di ripartire insieme agli aquilani che avranno voglia di accompagnarci nel corso di questa nuova esperienza di vita, nonostante l’emergenza in atto e tutti i disagi che comporta”.

Il Covid ha infatti totalmente cambiato il modo di fare shopping e tutti i negozi che che si apprestano a riaprire lunedì, dovranno farlo attuando una serie di nuove misure a tutela sia degli operatori che dei clienti. Misure che però hanno dei denominatori comuni come distanziamento, pulizia e entrate contingentate.

“Proprio in questi giorni abbiamo provveduto alla sanificazione dei locali e riapriremo con tutte le dovute accortezze – prosegue Francesca Saracino -. Se necessario, procederemo anche tramite appuntamento e, man mano, con l’evolversi del problema, ci organizzeremo meglio su come lavorare. È anche questo un modo per reinventarsi e lo faremo con la consueta professionalità che ci contraddistingue, sempre ponendo ovviamente la salute al primo posto.”.

Insieme a Saracino Abbigliamento, lunedì riaprirà regolarmente i battenti in via Verdi anche l’Irish Café ma, come precisa Massimiliano Di Marco, titolare del locale insieme a Francesco Scipioni, “con ingressi limitati rispetto a due mesi fa, sperando di poter usufruire anche dello spazio esterno con l’arrivo della bella stagione”.

“I locali sono già stati igienizzati con i prodotti adatti – precisa -, abbiamo inoltre installato separatori in plexiglass sul bancone e distanziato i tavoli in base a quanto specificato nelle linee guida. Fortunatamente disponiamo di spazi abbastanza estesi, sia in centro che nel locale situato a Pianola, quindi possiamo dirci sicuri per questa ripartenza, confidando al contempo anche nella collaborazione e nell’aiuto dei clienti per il rispetto delle regole”.

Pronta a ripartire in sicurezza anche Eleonora Casamassima, che gestisce Atto Primo, negozio di abbigliamento inaugurato in via Verdi solo qualche giorno prima dell’inizio del lockdown.

“Abbiamo aperto il primo di marzo e solo 10 giorni dopo siamo stati costretti a chiudere, ma adesso siamo prontissimi a tornare – dice -. Ci siamo organizzati per sanificare lo stabile e acquistare un apposito spray per disinfettare i vestiti tra una prova e l’altra. Addirittura ci siamo dotati di un dipenser per gel sanificante con sensore da posizionare all’ingresso del locale, oltre che di altri dispositivi di protezione, come mascherine o guanti, da utilizzare all’occorrenza. Quanto alla sicurezza, siamo molto fiduciosi in quanto disponiamo comunque di locali ampi, ben arieggiati e in grado di ospitare più clienti alla volta e, al contempo, riuscire a mantenere tutte le dovute distanze”.


Print Friendly and PDF

TAGS