Venezia: si alza il MOSE e tiene la città all’asciutto

di Lorenzo Mayer | 02 Novembre 2021 @ 17:10 | AMBIENTE
Print Friendly and PDF

VENEZIA – “Miracolo a Venezia?” Niente affatto. Il Mose c’è e funziona. Si alzano le barriere gialle, in tutte le bocche di porto, e salvano Venezia dall’acqua alta. Era già avvenuto l’anno scorso, è capitato di nuovo, nella notte tra lunedì e martedì, con lo stesso risultato: un successo. E così, nonostante una previsione di una quota di marea di 135 centimetri, sul livello del mare e non rispetto alla pavimentazione, la città storica non si è allagata. E’ stato superato così, in modo efficace, il primo “esame” in concomitanza con la prima alta marea eccezionale della stagione 2021. Le paratoie fanno il loro dovere.

Nella mattinata di oggi, martedì 2 novembre, verso le 7, Piazza San Marco è stata parzialmente allagata, in quanto con la previsione di marea sotto il metro, le barriere non vengono azionate. Ma la Piazza, il punto più basso del centro storico, soffre già con una quota di marea dagli 85 centimetri in su. Una situazione che quindi ha messo in risalto, quasi contemporaneamente, le due facce della stessa medaglia. Da una parte il Mose c’è e funziona, dall’altro questo non è sufficiente a far dormire sonni tranquilli all’insula di San Marco. Ancora due anni fa si parlava di avvio del cantiere per rialzare la pavimentazione della Piazza. Intervento mai partito. E solo ora, da qualche settimana, si è mosso qualche passo concreto per gli interventi a tutela della Basilica. Saranno giorni delicati, anche i prossimi, per la difesa di Venezia dall’acqua alta a causa delle avverse condizioni meteo e dei forti venti di scirocco che costringono a un monitoraggio minuto per minuto delle previsioni. Anche oggi, nel pomeriggio di martedì 2 novembre, le barriere del Mose torneranno ad alzarsi a difesa della città.  Sono, infatti, previsti 115 centimetri di marea alle ore 21:20 di questa sera. Programmato il sollevamento delle barriere del Mose a partire dalle ore 18. Permangono condizioni favorevoli al fenomeno dell’acqua alta fino a venerdì 5 novembre.

Il Centro Maree del Comune di Venezia invita comunque i cittadini a seguire gli aggiornamenti dai canali ufficiali. La città, insomma, trattiene ancora il fiato. Le previsioni di marea, per i prossimi giorni, parlano anche di un’ipotesi di nuovo picco a quota 140 centimetri. 

mose

moseQuesto il video di un anno fa quando il Mose entrò in funzione:

 


Print Friendly and PDF

TAGS