Venezia: costruttore aquilano in prima linea nella valorizzazione culturale dell’ex Caserma d’Artiglieria. Ora accordo con i cinesi per la Via della Seta

di Redazione | 24 Giugno 2020 @ 07:04 | CULTURA
Print Friendly and PDF

VENEZIA – “Sono orgoglioso di aver partecipato alla firma di questo partenariato tra la Fispmed-Onlus (Federazione Internazionale per lo Sviluppo sostenibile e la lotta alla Povertà nel Mediterraneo Mar Nero) e la Casme (China Association of Small and Medium Enterprises), che mira a fornire supporto alle PMI straniere per espandere gli affari in Cina”. Così il consigliere aquilano della Fispmed-Onlus, arch. Eliseo Iannini, a commento della giornata conclusiva dei lavori per la firma del memorandum, definito “Casa delle Piccole Medie Imprese Italo-Cinese”, che riconosce a Venezia il ruolo di hub culturale della via della Seta, nata sotto l’impulso dei viaggi di Marco Polo. “Si tratta di una concreta cooperazione bilaterale tra la città di Venezia e il sistema economico delle piccole e medie aziende cinesi, accogliendo con favore i contenuti emerse nel corso del “Belt and Road Forum for International Cooperation”, tenutosi a Pechino nel maggio 2017”, ha tenuto a precisare Iannini.

La FISPMED-ONLUS, network internazionale con 229 partner, pubblici e privati (Regione Veneto e Comune di Venezia in primis), di 39 Paesi del bacino di Mediterraneo e Mar Nero, ultimamente, sta definendo la concessione per la Riqualificazione e gestione cinquantennale della Caserma d’Artiglieria Guglielmo Pepe – Palazzo dei Soldati e l’ex Convento di San Nicolò del Lido. Il progetto complessivo dei lavori per 50milioni di euro vede il Gruppo Iannini quale General Contractor dei lavori. L’ex struttura militare, dismessa nel 2000 dal Battaglione Lagunari e ormai abbandonata, insieme con altri due edifici statali dell‘800 da utilizzare come uffici e alloggi d’artista, ospiterà, nella sua grande corte interna, esposizioni, laboratori di architettura e workshop internazionali. Un polo formativo di livello universitario internazionale stabile sede di Università e corsi anche telematici con un sistema d’importante interconnessione tecnologica. Si tratta di un’iniziativa innovativa che, grazie alla collaborazione tra l’Agenzia del Demanio, l’Associazione Biennale Urbana e il Comune di Venezia, promuove, anche grazie ai nuovi strumenti a disposizione del Terzo Settore, il riuso temporaneo del patrimonio immobiliare dello Stato, la rivitalizzazione di spazi dismessi per finalità sociali, culturali ed economiche.

La caserma, fra i più insigni esempi europei di architettura militare rinascimentale, è uno dei primi edifici al mondo ad avere avuto fin dall’inizio la destinazione di acquartieramento di soldati, rappresenta un monumento statale di eccezionale valore storico-identitario. Il convento di San Nicolò è celebre perché conserva dal 1101, dopo un avventuroso trafugamento in Terrasanta e una millenaria contesa con i baresi, le reliquie di San Nicolò, vescovo di Myra e patrono dei naviganti.


Print Friendly and PDF

TAGS