Venezia apripista in Italia: debutta il trasporto pubblico di linea elettrico

di Lorenzo Mayer | 27 Settembre 2021 @ 16:34 | TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
Print Friendly and PDF

VENEZIA – Il Lido di Venezia diventa apripista in Italia per il trasporto automobilistico pubblico di linea. Un’intera zona della città di Venezia sarà servita con pullman completamente elettrici per la rete urbana. Il progetto di elettrificazione del trasporto pubblico nelle isole di Lido e Pellestrina, nato da un’intuizione della Giunta guidata da Luigi Brugnaro, dopo un periodo sperimentale, ora prende pienamente corpo.

Dopo un impegnativo lavoro di progettazione e realizzazione che ha visto coinvolti e convinti partecipi i tecnici del Gruppo AVM, del Comune di Venezia, della città metropolitana di Venezia, del Demanio, della Soprintendenza, di Enel e di tutti gli altri Enti interessati agli ambiti di intervento, i 30 autobus della rete sono oggi presenti al Lido di Venezia, utilizzati sulle linee A, C, CA e V, a servizio della cittadinanza residente e dei molti visitatori che godono delle bellezze dell’isola d’oro. Trenta autobus ad elevata autonomia, tre stazioni di ricarica in linea con sei impianti a Lido Cavalli, Alberoni Faro Rocchetta e Pellestrina Cimitero, impianto di ricarica lenta presso il deposito di Via Zeno, 27 milioni di euro di investimento, di cui 21 milioni di euro per acquisto autobus e pacchi batteria, 3,5 milioni per impianti di ricarica e 2,5 milioni di euro per la realizzazione dell’infrastruttura di supporto, coperti (esclusa IVA) da 12 milioni di euro finanziati del Piano Strategico Nazionale per la Mobilità Sostenibile assegnati al Comune di Venezia e 10 milione di euro di autofinanziamento che il Gruppo AVM ha potuto garantire grazie a un prestito Bei (la Banca Europea).

I nuovi bus elettrici rappresentano un importante passo verso quella svolta green definita dall’amministrazione comunale di Venezia e che vede il pubblico fare da volano al privato per il rilancio del turismo dei due litorali veneziani. Si avvia così la prima rete urbana di trasporto pubblico locale interamente servita da autobus full electric a minimo impatto ambientale e acustico, con minori emissioni in atmosfera pari a 18 mila kg/anno di NOX, poco più di 16 mila kg/anno di CO, 1.200 kg/anno di HC, 245 kg/anno di particolato e 2.2 milioni di kg/anno di CO2 rispetto alle medie attuali. I nuovi autobus sono dotati di 88 posti, di cui 27 a sedere, e 2 postazioni per disabili, tra le dotazioni di bordo: porte usb, monitor per le informazioni all’utenza e un circuito audio-video.

Il parco mezzi elettrici è stato impiegato nelle scorse settimane nel servizio come modificato per gli allestimenti della 78. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica organizzata dalla Fondazione Biennale di Venezia che ha visto il Lido di Venezia centro del glamour internazionale.

“Come amministrazione ci siamo dimostrati attenti alle esigenze del servizio, al benessere dei cittadini, alla sostenibilità ambientale ed alla salvaguardia – ha sottolineato l’assessore comunale alla mobilità e traffico, Renato Boraso – della nostra azienda che eroga servizi di mobilità e trasporto. Abbiamo saputo portare a termine nei tempi previsti un progetto ambizioso e innovativo come la prima rete urbana in Italia di trasporto pubblico locale interamente servita da bus elettrici con ricarica in linea. Oggi i frequentatori del Lido si trovano con un servizio migliore, silenzioso e realmente green. E proseguiremo in questa direzione. Alle continue polemiche ed agli attacchi (anche personali) rispondiamo con i fatti, convinti della bontà del nostro operato e delle energie che ogni giorno mettiamo nel nostro lavoro”.

Soddisfatto anche l’assessore comunale al Bilancio e alle società partecipate Michele Zuin, lidense, che ha aggiunto:  “La messa in esercizio del progetto bus elettrici rappresenta un simbolo di come si possa investire, pur in un momento generale di difficoltà economico-finanziaria, grazie all’uso oculato delle risorse, alla ricerca attenta delle fonti di finanziamento e alle competenze progettuali che sono presenti negli uffici del Comune di Venezia, della Città metropolitana di Venezia e del Gruppo AVM. Voglio dunque ringraziare tutte le persone che si sono profondamente impegnate per raggiungere questo importante risultato a beneficio della cittadinanza e dell’economia delle isole di Lido e Pellestrina e di Venezia nel suo complesso, anche grazie all’attiva collaborazione di soggetti terzi diretta emanazione dello Stato”.


Print Friendly and PDF

TAGS