Venezia, in 40 mila hanno dato il benvenuto al 2024 con i fuochi d’artificio

di Lorenzo Mayer | 01 Gennaio 2024 @ 17:51 | EVENTI
fuochi d'artificio venezia 2024
Print Friendly and PDF

Benvenuto 2024 con i fuochi d’artificio. Una notte di luci e musica per dare il benvenuto al 2024: lo spettacolo pirotecnico in Bacino San Marco e la grande festa musicale in Piazza Ferretto, a Mestre, hanno celebrato, allo scoccare della mezzanotte, l’arrivo del nuovo anno.

Grande l’impegno di Comune di Venezia e Vela Spa per la buona riuscita delle manifestazioni diffuse sul territorio comunale, con il fondamentale supporto del personale delle società partecipate, della Polizia locale e della Protezione Civile, delle Forze dell’ordine, dei Vigili del Fuoco e del Suem, impegnate a garantire l’ordine, il decoro e la sicurezza, con il coordinamento della Prefettura.

A tutti loro è arrivato il plauso del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro: “Voglio ringraziare, a nome mio e dell’intera Città di Venezia, tutti coloro che hanno consentito di accogliere al meglio e garantire la sicurezza delle migliaia di persone che hanno scelto Venezia e Mestre per festeggiare Capodanno. Una macchina organizzativa impegnata ad ogni livello, dagli operatori ai funzionari, fino ai dirigenti, dove ciascuno ha operato in stretto e costante coordinamento. Un grande lavoro di squadra che ha permesso a chiunque di trascorrere la notte di San Silvestro in serenità, in tutte quelle che amiamo definire “le città di Venezia”, dalle isole della Laguna alla terraferma. A tutti arrivi l’augurio di un Buon 2024!”

Alla mezzanotte il tradizionale appuntamento dei fuochi d’artificio che hanno illuminato il Bacino di San Marco dando il benvenuto al 2024. Una scenografia che non ha tradito le attese. Sono state oltre 40.000 le persone che hanno ammirato i giochi di luce dall’Arsenale e lungo Riva degli Schiavoni, Riva Ca’ di Dio, Riva San Biagio e Riva dei Sette Martiri, ma anche da terrazze, altane, aree esterne, plateatici e dalle imbarcazioni. Afflusso e deflusso regolari nell’area delimitata dove, fin dalla prima serata, attraverso varchi d’accesso dove sono stati effettuati i controlli di sicurezza.

Circa 10.000 persone hanno invece partecipato alla grande festa di Piazza Ferretto a Mestre con l’animazione di Radio Company: dal palco montato nel cuore cittadino illuminato a festa, tra luminarie e sculture di luce il format “Wonder Company” del dj Ale De Biasi e della speaker Viviana Rapisarda ha scandito la fine dell’anno. Sul palco il 2024 è stato accolto anche dalla travolgente band RedMoon che si è esibita dal vivo con i grandi classici della disco music degli anni ’70-’80.

All’indomani della notte di festeggiamenti a tracciare il bilancio sono i numeri del lavoro delle forze messe in campo per garantire la buona riuscita della notte di San Silvestro e le prime ore della giornata di Capodanno. Sono stati circa 130 gli operatori della Polizia locale impegnati a garantire lo svolgimento in sicurezza delle manifestazioni a Venezia e a Mestre, oltre al personale impiegato per le normali attività d’istituto, sotto l’occhio vigile della Smart Control Room. A loro si sono aggiunti un funzionario ed i volontari della Protezione Civile.

Per gestire e coordinare gli eventi in laguna e terraferma, Vela Spa ha schierato circa 300 persone: un dirigente, un responsabile eventi, 7 funzionari eventi e 2 funzionari comunicazione, 2 safety manager, 200 addetti alla sicurezza, 40 addetti al servizio “cacciabottiglie”, 10 operai addetti al movimento transenne e segnaletica per la sicurezza, 8 tecnici audio per la gestione di messaggi vocali per la sicurezza. A questi si aggiungono 30 maestranze tecnico-artistiche per lo spettacolo in Piazza Ferretto e 10 maestranze per lo show pirotecnico in Bacino di San Marco.

Importante anche l’impegno di Veritas. Nella notte del 31 dicembre a partire dalle ore 22 e fino alle 3.30 è stata effettuata la raccolta delle bottiglie nei varchi grazie all’impiego di una ventina di operatori con una decina di carri dedicati e cestoni. Dalle 2.30 una sessantina di addetti Veritas con cinque barche e relativi piloti hanno provveduto allo spazzamento e alla pulizia dell’area marciana e delle direttrici principali. Servizi potenziati anche in Terraferma.

Il potenziamento dei servizi di Actv/Avm ha garantito un agevole deflusso al termine dei festeggiamenti, soprattutto a Venezia: per quanto riguarda la navigazione, per garantire l’esercizio programmato e le corse di sfollamento successive allo spettacolo pirotecnico erano operativi 50 operatori coordinati da 5 funzionari in presidio tra la Centrale operativa e San Zaccaria, Rialto, Fondamente Nove e Piazzale Roma. A conclusione dei fuochi in Bacino di San Marco sono stati effettuati dei servizi aggiuntivi di navigazione da San Marco-San Zaccaria per il Lido e Tronchetto/P.le Roma via Canale della Giudecca e da Rialto per Piazzale Roma. Per l’automobilistico invece ci sono stati 40 conducenti impegnati nell’erogazione di corse aggiuntive per e da Venezia-Piazzale Roma e da Lido Santa Maria Elisabetta verso Malamocco, Alberoni e Pellestrina, con 8 funzionari in presidio a Piazzale Roma e al Lido. Sono inoltre stati garantiti servizi aggiuntivi di deflusso per le corse di linea N1/N2 e sono state potenziate tutte le principali direttrici in ambito urbano (linee 2, 4L, 5, 6, 7 pur con limitazioni di tratta). Il funzionamento del People Mover è stato prorogato fino alle ore 3 del 1° gennaio. La rete di vendita Venezia Unica ha ampliato gli orari di apertura di alcuni punti presso i terminal cittadini, con 12 addetti vendita aggiuntivi e 3 funzionari in presidio. Infine, il comparto controlli e verifiche ha funzionato con 15 agenti (tra verificatori e Guardie Giurate) dislocati tra San Zaccaria, Rialto e Piazzale Roma in assistenza ai servizi di navigazione, automobilistico e di vendita e in attività di controllo preventivo dei titoli di viaggio e 2 funzionari in presidio. L’Autorimessa comunale e il Garage Sant’Andrea, così come il Park Costa a Mestre, hanno rafforzato il personale, mentre è stato prolungato l’orario del Park Candiani alle 2:30.

L’attesa del nuovo anno è andata in scena anche a Teatro: al Toniolo ieri sera alle 21:30 ha preso il via il Gran Gala du Cirque, uno spettacolo inedito con protagonisti i migliori performer contemporanei egli interpreti circensi tra i più creativi al mondo. Un sorprendente show di teatro-circo, a metà tra la suspence del circo classico e il fascino della coreografia, che sarà replicato questa sera alle ore 18. Maggiori informazioni al link: www.comune.venezia.it/content/gran-gal-du-cirque.

Questa mattina il nuovo anno si è aperto con la musica del tradizionale Concerto al Teatro La Fenice, diretto dal Maestro Fabio Luisi e trasmesso in diretta su Rai 1. Suddiviso in una prima parte esclusivamente orchestrale con l’esecuzione della Sinfonia n. 2 di Johannes Brahms e una seconda parte dedicata al melodramma, con una carrellata di arie e passi corali dal repertorio operistico. Il Concerto si è chiuso con due pagine celeberrime di Giuseppe Verdi, capisaldi del patrimonio musicale italiano: il coro “Va’ pensiero sull’ali dorate” da Nabucco e il festoso brindisi “Libiam ne’ lieti calici” da La traviata. In scena anche un omaggio ai settant’anni della televisione italiana, con un medley delle sigle più celebri del suo storico palinsesto.

Al Lido di Venezia il nuovo anno è stato salutato con l’ormai classico tuffo in mare per il tradizionale “bagno” di Capodanno. L’appuntamento, giunto alla 43esima edizione, è promosso dal Gruppo Ibernisti del Lido e supportato dal Comune di Venezia tramite Vela spa. Ad attenderli all’uscita dal mare, un rinfresco con un menù tipico del primo giorno dell’anno, con l’immancabile cotechino con le lenticchie.

Il 2024 a Venezia e Mestre inizia all’insegna della cultura. Oggi, 1° gennaio, tutti i Musei Civici di Venezia saranno aperti al pubblico, compresi quelli con chiusura settimanale prevista il lunedì. Il primo giorno dell’anno regala ai visitatori l’opportunità di visitare, a Venezia, le mostre “Il ritratto veneziano dell’Ottocento” e “Maurizio Pellegrin. Me stesso e io” al secondo piano di Ca’ Pesaro, Galleria Internazionale d’Arte Moderna, il Museo di Storia Naturale di Venezia Giancarlo Ligabue, Palazzo Mocenigo e Museo del Merletto a Burano. Eccezionalmente aperta anche la mostra “Chagall. Il colore dei sogni” al Centro Culturale Candiani, a Mestre, ad ingresso gratuito. Per informazioni su aperture dei musei consultare il sito www.visitmuve.it/it/aperture-muve.


Print Friendly and PDF

TAGS