Variazione di bilancio e modifiche di destinazione d’uso in Consiglio comunale

di Redazione | 29 Aprile 2020 @ 13:47 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Il Consiglio comunale dell’Aquila, riunito stamani su piattaforma MT, ha approvato la proposta deliberativa contenente la prima variazione al bilancio di previsione 2020-2022 dell’Ente comunale.

L’atto è stato illustrato dal vice sindaco e assessore al Bilancio Raffaele Daniele. La variazione allo strumento finanziario prevede, in particolare, maggiori entrate per complessivi 542 milioni di euro e maggiori uscite per 494 milioni, con conseguente aumento della cassa comunale di 47 milioni 880mila euro.

La delibera è stata approvata con 19 voti favorevoli, 8 contrari (Albano, Cimoroni, De Santis Lelio, Mancini, Masciocco, Palumbo, Vicini) e 5 di astensione (Di Benedetto, Iorio, Nardantonio, Serpetti, Silveri).

A seguire l’assemblea ha esaminato quattro proposte di deliberazione, illustrate dall’assessore ai Territori Fabrizio Taranta, relative ad altrettanti mutamenti di destinazione d’uso e permute di porzioni, riferiti, rispettivamente, alle strade vicinali “Vasche del vento” in località San Giacomo, “Fiume Secco” in località Loretuccio e “Valle Perchiara” a Camarda (quest’ultima anche riguardo ad un tratto intercluso).

Le prime due delibere sono state approvate con 18 voti favorevoli e 12 di astensione, la terza e la quarta con 19 voti favorevoli e 12 di astensione (in entrambi i casi si sono astenuti i consiglieri Albano, Cimoroni, De Santis Lelio, Di Benedetto, Iorio, Mancini, Masciocco, Nardantonio, Palumbo, Romano, Serpetti, Vicini).

I lavori sono proseguiti con la discussione in ordine all’acquisizione al civico patrimonio dei terreni di natura demaniale utilizzati per la realizzazione dei quartieri Case nelle frazioni di Arischia e di Cese di Preturo. Entrambi gli atti deliberativi sono stati presentati dall’assessore ai Lavori pubblici ed espropri Vittorio Fabrizi.

Il primo è stato approvato con 19 voti favorevoli e 6 di astensione (Albano, Cimoroni, De Santis Lelio, Mancini, Masciocco, Palumbo), il secondo con 20 voti favorevoli e l’astensione dei 6 medesimi consiglieri del punto precedente.


Print Friendly and PDF