Variante Vasto-San Salvo: la Regione contraria a ipotesi di viadotti e gallerie

di Redazione | 22 Marzo 2022 @ 19:00 | POLITICA
infrastrutture
Print Friendly and PDF

PESCARA – “La Regione Abruzzo, come anche il Comune di Vasto, nella conferenza di servizi preliminare sul progetto di fattibilità tecnico economica dell’Anas di variante alla statale 16, nel tratto Vasto Sud-San Salvo, esprimerà contrarietà a ogni ipotesi di realizzazione di viadotti e gallerie”.

È quanto sostiene il presidente della Giunta regionale Marco Marsilio, che questo pomeriggio ha presieduto un incontro tecnico-istituzionale nella sede della Regione a Pescara, al quale hanno preso parte, tra gli altri, il sottosegretario alla Presidenza con delega alle Infrastrutture Umberto D’Annuntiis, il sindaco di Vasto Francesco Menna, il presidente del Consiglio comunale di San Salvo Eugenio Spadano e il responsabile territoriale Abruzzo e Molise di Anas Antonio Marasco.

Senza il parere positivo della conferenza di servizi preliminare, nessun progetto di variante nel tratto Vasto Sud Sud-San San Salvo Marina potrà prevedere la realizzazione da parte di Anas di interventi fortemente impattanti sul territorio come viadotti e gallerie.

“Il progetto di fattibilità tecnico ed economica della variante alla statale 16 Adriatica presentato dall’Anas, – ha spiegato Marsilio – si suddivide in quattro tratti, di cui tre godono di una condivisione molto ampia da parte sia del Comune di Vasto che di quello di San Salvo. Rimane una criticità su un primo tratto, quello più prossimo all’abitato di Vasto, per il quale Anas ha presentato quattro ipotesi progettuali, una delle quali non prevede né gallerie né viadotti. La conferenza preliminare dei servizi, in programma il prossimo 6 aprile, serve proprio a sentire il territorio e quindi i Comuni e la Regione e acquisire il loro parere rispetto a una di queste ipotesi di variante. Si potrebbe, intanto, stralciare il primo tratto e realizzare la parte che affianca il tracciato ferroviario e che corre in parallelo all’attuale Statale 16. Questa soluzione  consentirebbe di alleggerire non poco il traffico veicolare su questa arteria strategica”.


Print Friendly and PDF

TAGS