Vaccino anticovid, appello di Pietrucci per dializzati e malati cronici

di Redazione | 08 Marzo 2021 @ 13:21 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Il consigliere regionale del Pd, Pierpaolo Pietrucci ha rivolto un appello rivolto all’assessore regionale alla Sanità Nicoletta Verì e ai direttori generali delle Asl per favorire la vaccinazione dei dializzati e dei malati cronici.

“Egregia Assessora, gentili Direttori  – scrive Pietrucci  – mi perdonerete se, in una comunicazione ufficiale, esordisco riportando integralmente il messaggio che ho appena ricevuto”. 

“Buongiorno Pierpaolo grazie del tuo impegno continuo. Scusami se ti scrivo, ma oggi sono furioso: hanno cominciato la vaccinazione delle persone fragili dipendenti dell’Università dell’Aquila. Non sono assolutamente loro l’obiettivo della mia arrabbiatura, è chiaro. Ma sono furioso contro la Regione Abruzzo: ci sono chiare disposizioni secondo cui i primi soggetti con fragilità a dover essere vaccinati sono i dializzati costretti a frequentare costantemente l’ospedale. Questa indicazione è disattesa completamente dalla Regione. Ti invito a fare qualcosa, presto. Senza una soluzione io sono intenzionato a fare entrare in crisi i turni ospedalieri, coinvolgerò tutti i dializzati dell’Aquila, chiederò loro di arrivare con due ore di ritardo alle sedute dialitiche così da mandare in crisi i turni dei medici e degli infermieri. E’ un gesto estremo, lo so, ma forse è il solo modo per denunciare la discriminazione nei nostri confronti e dare risonanza al fatto che le pressioni di categorie meno a rischio ma più forti di noi stanno ottenendo le attenzioni della Regione. Se prenderò il coronavirus io denuncerò la Regione Abruzzo”.

“E’ un appello accorato, una denuncia carica di amarezza, di paura e di preoccupazione- spiega Pietrucci. E’ la testimonianza (di cui per riservatezza evidente proteggo la fonte) di una persona disperata costretta a combattere i rischi del contagio e l’ingiustizia delle procedure, i ritardi e le discriminazioni a cui i più fragili sono costretti E’, infine, il segno di una rabbia che si spinge a minacciare forme eclatanti di protesta, pur di ottenere la sacrosanta attenzione e il rispetto della propria dignità umana. La questione, com’è evidente, riguarda non solo i dializzati, ma tutti coloro che per ragioni di salute, di cura e di assistenza delle diverse patologie devono raggiungere l’ospedale o le strutture sanitarie di riferimento”.

“Ecco perché mi rivolgo a voi. Sono certo  – aggiunge  – che non potrete ignorare questo appello. Per questo ho voluto usare, col suo permesso, le parole stesse di chi vive questo dramma sulla propria pelle e si fa portavoce di tutti quelli come lui che spesso soffrono in silenzio. Attendo fiducioso un vostro immediato riscontro con azioni amministrative concrete e con le conseguenti adeguate scelte sanitarie che rispondano ai sacrosanti principi di tutelare la salute partendo dalle persone più fragili e dalle categorie più a rischio. Solo così  – conclude il consigliere – potremo ottenere, nel momento difficilissimo che viviamo, il rispetto, la comprensione e la collaborazione di tutti i cittadini”.


Print Friendly and PDF

TAGS