‘Vaccinare e’ proteggere’, Marsilio: non dimenticare le altre vaccinazioni

di Redazione | 07 Giugno 2022 @ 08:33 | SALUTE E ALIMENTAZIONE
marsilio
Print Friendly and PDF

ROMA – “Quando si parla di vaccini, ormai da un po’ di tempo, ci si concentra in maniera quasi monotematica sul vaccino anti-Covid, dal momento che abbiamo tutti affrontato questa emergenza combattendo il virus attraverso anche una campagna vaccinale che continuiamo a fare, ad esempio con la quarta dose per i fragili”. È quanto sottolineato ieri sera dal presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio nel messaggio di saluto inviato al convegno organizzato da Sanofi in occasione della terza tappa della campagna di prevenzione ‘Vaccinare è proteggere’, che ha coinvolto anche le Regioni Marche e Umbria. “Credo che dopo l’estate, con la ripresa autunnale, si riaprirà una nuova stagione con nuovi vaccini rieditati, annuali, come avveniva e come avviene per il vaccino antinfluenzale. Ed è proprio questo il punto: non bisogna dimenticarsi delle altre vaccinazioni. L’influenza ovviamente esiste, persiste, continua a circolare”.

“Con l’eliminazione di buona parte delle misure di contenimento e di protezione – ha aggiunto il presidente della Regione Abruzzo Marsilio – naturalmente l’influenza tornerà a circolare più intensamente di quanto accaduto nell’ultimo biennio, quando l’uso intensivo delle mascherine e il distanziamento hanno attenuato il suo normale impatto sulla popolazione. Siamo abituati a conviverci, ma non bisogna dimenticare che nei soggetti fragili questa spesso diventa persino mortale. Dobbiamo quindi lavorare per far sì che la popolazione anziana e fragile venga sensibilizzata, raggiunta, convinta dell’opportunità e della necessità della vaccinazione. E’ fondamentale la capacità delle aziende farmaceutiche e dei medici di medicina generale, che sono i primi a parlare con i propri assistiti per spiegare loro i vantaggi di una corretta vaccinazione, e tutto il resto del sistema sociosanitario perché si faccia una promozione e un’adeguata cultura della prevenzione. Ringrazio in particolare la Sanofi e la Federazione italiana dei medici di medicina generale, l’organizzazione sindacale e l’associazione professionale nazionale dei medici di medicina generale e di assistenza primaria, che svolgono tutti un ruolo fondamentale nell’assistenza della popolazione, nel portare avanti – ha concluso Marsilio – questa campagna di sensibilizzazione”.

 


Print Friendly and PDF

TAGS