Usa, Senato assolve Trump da impeachment

Biden, "la democrazia è fragile e deve essere sempre difesa"

di Redazione | 14 Febbraio 2021 @ 12:19 | ATTUALITA'
usa
Print Friendly and PDF

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è stato assolto nel secondo processo di impeachment contro di lui, il primo mai tenuto contro un ex presidente degli Stati Uniti. Il Senato ha votato a favore della sua assoluzione. Trump era stato messo sotto accusa dalla Camera per aver istigato l’assalto al Congresso dello scorso 6 gennaio. Per condannare Trump occorrevano 67 voti al Senato mentre i voti favorevoli all’accusa sono stati 57. Il Senato dunque non lo condanna per fatti legati all’assalto a Capitol Hill.

Dopo l’assoluzione di Trump nel processo di impeachment, Nancy Pelosi ha attaccato Mitch McConnell, leader dei senatori repubblicani per il suo comportamento “patetico” e “il gruppo di repubblicani codardi che hanno avuto paura di fare il loro lavoro rispettando l’istituzione in cui servono”. Per la speaker della Camera McConnell si sarebbe rifiutato di convocare subito il Senato per iniziare il processo, quando Trump era ancora in carica, e di aver usato poi questo ritardo come motivo per assolverlo.

Cominciano le purghe nel Grand Old Party contro i senatori che hanno votato con i dem per condannare Trump nel processo di impeachment. La commissione esecutiva del partito repubblicano della Louisiana ha votato una mozione di censura per Bill Cassidy “Condanniamo nei termini più duri il suo voto. Per fortuna menti più lucide hanno prevalso e Trump è stato assolto” ha reso noto la Commissione. Cassidy aveva twittato di aver votato per la condanna “perchè la nostra Costituzione e il nostro Paese sono più importanti”.

Nonostante l’assoluzione di Trump nel processo per l’assalto al Congresso del 6 gennaio, le accuse contro di lui “non sono in discussione” e l’attacco dimostra che “la democrazia è fragile”. Lo ha detto il presidente Biden in una dichiarazione dopo il  voto al Senato. “Anche se il voto non ha portato a una condanna -ha detto- la sostanza dell’ accusa non è in discussione(…) Questo triste capitolo della nostra storia ci ha ricordato che la democrazia è fragile, che deve essere sempre difesa, che dobbiamo essere sempre vigili”.


Print Friendly and PDF

TAGS