Unsic su monopattini: “Ancora troppe incongruenze”

di Redazione | 10 Novembre 2021 @ 12:56 | ATTUALITA'
UNSIC Monopattino
Print Friendly and PDF

Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, diventano operative le modifiche al Codice della strada che riguardano anche circa due milioni di monopattini. Questo nuovo emblema della micromobilità, che ha preso piede anche nel nostro Paese, è interessato da una serie di novità normative. L’Unsic, sindacato datoriale con oltre tremila uffici in Italia e numerosi dipendenti che utilizzano questo mezzo innovativo, ha sentito gli utilizzatori per evidenziare quelli che vengono avvertiti come aspetti positivi o negativi delle nuove norme.

In linea generale, il sindacato concorda su alcune regole di buon senso ormai necessarie, come il divieto di transitare o di parcheggiare sui marciapiedi, il sequestro per chi ne trucca il motore o ne modifica il telaio, l’obbligo di indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti o di attivare dispositivi luminosi come frecce e stop, ma con inconcepibili due anni di tempo per adeguare quelli in circolazione (entro il 1° gennaio 2024).

Inspiegabile non aver reso obbligatori caschi per i maggiorenni, targhe e assicurazioni, anche a garanzia dei proprietari di monopattini. C’è innanzitutto la questione della sicurezza stradale coperta dal casco: nel 2020, dati Asaps, gli incidenti gravi sono stati 123 (con 58 feriti, di cui 11 in prognosi riservata), in testa la Lombardia con 54 sinistri, poi il Piemonte con 14, quindi il Lazio con 13, Emilia Romagna e Abruzzo con 6. Undici le vittime nel 2020 e 2021: tre a Roma, una a Budrio (Bologna), Milano (anziana investita da un gruppo di monopattinisti), Genova, Arezzo, Ravenna, Firenze, Sesto San Giovanni (Milano) e Cesena. Una seconda questione riguarda la difficoltà nell’identificare i mezzi in caso di furti o sequestri, per poi concludere su quanto sull’utilizzo del mezzo su strade extraurbane senza piste ciclabili.


Print Friendly and PDF

TAGS