Uniti contro la dislessia, la Fontana Luminosa si illumina di blu

Repubblica offre agli utenti l’esperienza di lettura che colpisce le persone dislessiche

di Cristina D'Armi | 08 Ottobre 2020 @ 07:00 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Il Comune dell’Aquila ha aderito alla Campagna internazionale “Uniti contro la dislessia”, sostenendo l’iniziativa che si svolgerà in diversi Paesi del mondo. Lo rende noto il sindaco Pierluigi Biondi.

Per l’occasione dell’apertura del mese dedicato a questa iniziativa, oggi, giovedì 8 ottobre la Fontana luminosa si  illumina di color turchese.

Alcuni dei più importanti monumenti, italiani e non, si colorano di azzurro con l’obiettivo di focalizzare l’attenzione sul disturbo dell’apprendimento che colpisce il 10% della popolazione in misura diversa: oltre che difficoltà nella lettura, si può riscontrare anche la difficile comprensione dei testi, dei numeri e della memorizzazione delle definizioni. La dislessia può essere causata dal coinvolgimento di fattori ambientali e genetici, in alcuni casi infatti, si manifesta in più membri della stessa famiglia, 

Il problema interessa il 4% degli alunni. Per gli studenti con DSA che hanno difficoltà a seguire le lezioni in presenza, è stato uno sforzo enorme frequentare da remoto durante il lockdwon. I tempi e le forme dell’organizzazione del lavoro da casa sono diversi rispetto a quelli in presenza. Troppi input e differenti dislocazioni dei materiali, possono far sentire i ragazzi disorientati e incapaci di fruire della Didattica a distanza.

Per l’occasione, Il giornale Repubblica ha scelto di modificare la propria homepage, offrendo agli utenti l’esperienza di lettura che colpisce le persone dislessiche: lettere che si invertono rendono una semplice parola di difficile comprensione.

Dopo diversi anni in cui il problema è stato ignorato, la Disfam, l’ organizzazione spagnola senza scopo di lucro fondata nel 2002 ed impegnata nella sensibilizzazione nei confronti della dislessia, quest’anno,  ha avvitato le procedure affinché le nazioni unite possano dichiarare l’8 ottobre giornata mondiale della dislessia.

Agatha Christie,  Victor Hugo, Jules Verne e Mark Twaine sono alcuni dei personaggi noti affetti da dislessia. Questo disturbo, infatti, non comporta  problemi cognitivi. I traguardi di queste celebrità ne sono la dimostrazione lampante.


Print Friendly and PDF

TAGS