Un Comune sanzionato, controllava la cronologia di ricerche dei dipendenti

di Redazione | 27 Giugno 2021 @ 06:00 | LA LEGGE E LA DIFESA
Print Friendly and PDF

La protezione delle informazioni personali e il rispetto della vita privata sono principi fondanti anche del pubblico impiego. Lo ha ribadito il Garante per la Privacy nel provvedimento n. 190 del 13 maggio 2021. Il garante ha sanzionato un comune a pagare 84mila euro per aver trattato illecitamente i dati dei propri dipendenti in violazione degli artt. 5, 6, 9, 88 e 35 del GDPR, nonché 113 e 114 del Codice Privacy.

Tutto è cominciato con un reclamo di dipendente del Comune che eccepiva la liceità del trattamento dei dati personali utilizzati. Dati che erano stati utilizzati per avviare un procedimento disciplinare a suo carico.

Il dipendente sollevava inoltre la violazione dell’art. 4, L. 300/1970 poiché il controllo effettuato sulla navigazione apparentemente legittimato dalle necessarie misure tecniche da impiegarsi a salvaguardia dei dati trattati era di carattere massivo, costante ed indiscriminato.

L’ente, in attesa della pronuncia del Garante, ha provato a ravvedersi con varie misure correttive  ma è stato inutile. Il Garante ha sanzionato il Comune ribadendo i principi cardine della tutela della riservatezza dei prestatori di lavoro.

Il garante ha ribadito la necessità per la Pa di tutelare la riservatezza e i diritti privacy dei lavoratori in quanto la linea di confine tra vita lavorativa e vita privata è labile e fluida. Inoltre, ha aggiunto, le informative fornite ai dipendenti non devono essere generiche o vaghe ma informare l’interessato sulle modalità di trattamento e le finalità dello stesso.

Il Garante ha ribadito che il controllo/monitoraggio attraverso impianti audiovisivi e altri strumenti di lavoro può avvenire “esclusivamente per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale” (D.lgs. 151/2015). I dispositivi connessi alla rete non possono essere ricondotti nell’alveo degli strumenti di lavoro, diversamente dai sistemi di blocco automatico della navigazione per certe categorie di siti web.


Print Friendly and PDF

TAGS