Un bando a sostegno degli allevatori per incentivare il benessere animale

di Redazione | 01 Dicembre 2023 @ 15:15 | UTILI
allevamenti
Print Friendly and PDF

Il Complemento dello Sviluppo Rurale (CSR) della Regione Abruzzo in corso di revisione prevede l’attivazione dell’intervento SRA30 “Benessere animale”, sulla base dei contenuti del Piano Strategico Nazionale per l’attuazione della PAC 2023-2027 (PSP). Scadenza: 15 Maggio 2024.

L’intervento vuole contribuire agli obiettivi di miglioramento del benessere animale perseguiti dall’Unione, anche con riferimento alla Raccomandazione (UE) 2016/336, relativa all’applicazione della direttiva 2008/120/CE del Consiglio che stabilisce norme minime per la protezione dei suini e all’iniziativa “the end of the cage age”, avviata nel 2018 e finalizzata all’eliminazione delle gabbie negli allevamenti.

In particolare, il presente intervento intende contribuire all’attuazione del Piano di azione nazionale per il miglioramento dell’applicazione del Decreto Legislativo 122/2011 (Direttiva 2008/120/CE) e del Decreto Legislativo 146/2001 (Direttiva 98/58/CE) promosso dal Ministero della Salute.

L’intervento SRA30 “Benessere animale” prevede un sostegno a tutti gli allevatori che si impegnano volontariamente a sottoscrivere una serie di migliorie alle condizioni di allevamento delle specie oggetto dell’intervento oltre gli standard delle norme obbligatorie vigenti. L’intervento prevede, pertanto, un sostegno economico annuale per compensare i minori ricavi e/o maggiori costi che l’adesione agli impegni richiede.

Le Aree applicate dalla regione Abruzzo nell’ambito del presente bando sono le seguenti:
i. Area 1: acqua, mangimi e cura degli animali in conformità con le esigenze naturali dell’allevamento degli animali [lettera a) art. 46 Reg (UE) 2022/126];
ii. Area 2: condizioni abitative, come maggiore spazio disponibile, superfici dei pavimenti, luce naturale, microclima controllo e metodi alternativi, come ilparto libero, per mantenere gli animali individualmente a seconda delle tendenze naturali delle specie interessate [lettera b) art. 46 Reg (UE) 2022/126];
iii. Area 4: accesso all’aperto e pascolo [lettera d) art. 46 Reg (UE) 2022/126];
iv. Area 5: pratiche per evitare la mutilazione o la castrazione degli animali. In casi specifici di mutilazione o castrazione degli animali è ritenuto necessario l’uso di anestetici, analgesici e farmaci antinfiammatori [lettera f) art. 46 Reg (UE) 2022/126].

Le specie ammesse a sostegno sono:
a. Bovini (da latte e da carne e ad orientamento produttivo misto);
b. Equidi;
c. Ovini e caprini;
d. Suini.


Print Friendly and PDF

TAGS