Ultimo evento di AquilAir, il progetto di monitoraggio della qualità dell’aria

Si terrà il prossimo 12 dicembre a partire dalle ore 10:00 presso il Gran Sasso Science Institute dell’Aquila

di Redazione | 09 Dicembre 2023 @ 10:48 | AMBIENTE
AQUILAIR
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Si terrà il prossimo 12 dicembre a partire dalle ore 10:00 presso il Gran Sasso Science Institute dell’Aquila l’evento di chiusura del progetto AquilAir, nato nelle scuole del capoluogo abruzzese in adesione al modello didattico innovativo DomoSens ideato dalla Fondazione Bruno Kessler (FBK) e già riattivato in Trentino Alto Adige.

Il progetto è stato realizzato grazie al sostegno della FondazioneCarispaq, e alla collaborazione del Gran Sasso Science Institute (GSSI), dell’Università degli Studi dell’Aquila, dell’ Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e dalla Fondazione Gran Sasso Tech. Hanno partecipato quattro istituti di istruzione superiore dell’Aquila di indirizzo scolastico diverso: il Convitto Nazionale Domenico Cotugno (liceo Classico e Economico Sociale) , l’ IIS Andrea Bafile (liceo Scientifico e liceo Artistico), l’IIS DaVinci-Colecchi (Tecnico Costruzioni, Ambiente e Territorio) e l’ IIS Amedeo D’Aosta con 5 dei suoi indirizzi di studio.

Ogni istituto ha messo in campo le proprie competenze, come previsto dal modello ed ha partecipato con almeno una classe, lavorando su azioni specifiche inerenti la vocazione principale della scuola. E’ stata realizzata, così, una filiera in grado di coprire il percorso dell’innovazione: dalla ricerca al prodotto/servizio sul mercato. 

Al termine del percorso le classi hanno messo a punto un sistema di monitoraggio della qualità dell’aria composto da una rete di rivelatori a basso costo, di forte interesse per il mercato attuale. I componenti elettronici del rivelatore sono stati studiati e nel caso del sensore la parte sensibile è stata realizzata nei laboratori delle scuole coinvolte. 

Inoltre, sono stati affrontati i temi relativi allo studio del mercato, dell’ipotetico business plan, della comunicazione, il tutto nella consapevolezza del contesto cittadino di riferimento. 

La sperimentazione della multidisciplinarietà e della cooperazione tra le diverse classi, elementi ormai imprescindibili negli ambienti di lavoro, la presenza di tutor professionali su ogni parte caratterizzante le attività sono stati alcuni degli aspetti rilevanti del modello che si è realizzato con AquilAir. 

Il progetto, supportato dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, tramite l’Ufficio Scolastico Regionale, ha fatto emergere l’ottimo livello di istruzione delle scuole aquilane. L’attività ha previsto metodologie didattiche innovative come il Cooperative Learning ed il Problem Based Learning. Questa esperienza rappresenta, dunque, un modello innovativo di PCTO realizzato attraverso l’applicazione della sussidiarietà orizzontale con il mondo del lavoro e con la collaborazione in rete delle quattro scuole convolte. “Le metodologie di lavoro messe in campo – ha dichiarato il Direttore Generale, Massimiliano Nardocci – hanno permesso di raggiungere ottimi risultati in termini di apprendimento, ma anche di lotta alla dispersione scolastica poiché hanno incentivato il protagonismo studentesco e aumentato la motivazione”.

Per la realizzazione del progetto AquilAir è stata coinvolta anche l’ ARTA Abruzzo (Agenzia Regionale per la Tutela dell’Ambiente) che gestisce sul territorio centraline certificate, indispensabili per la taratura di quelle alla cui realizzazione hanno lavorato le scuole, a loro volta copia di quelle frutto della ricerca di FBK. Il Gran Sasso Science Institute ha collaborato nella parte dell’ installazione delle centraline e dell’analisi del contesto ambientale, l’Università degli Studi dell’Aquila per gli aspetti meteorologici e climatici e per l’analisi dei dati acquisiti, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia come supporto locale per la gestione del progetto e come tutor per le rilevazioni del gas Radon nelle Grotte di Stiffe.

 A tal proposito, vista la tipologia di rivelatori necessari, il progetto ha potuto contare sulla disponibilità di sistemi commerciali messi a disposizione dalla ditta Nuvap. Per la realizzazione del   logo del progetto si è potuto beneficiare del supporto dell’ Associazione Disegno Industriale (sezione Veneto e Trentino-Alto Adige), mentre i temi legati alla protezione della proprietà intellettuale e marchi sono stati affrontati dall’avvocato Paolo Oliva di Pisa. Infine, per lo studio del business plan il supporto è stato assicurato da Leonardo Benuzzi, innovation manager di Trento. Le istituzioni di ricerca coinvolte (FBK, INGV, UnivAq, GSSI e GST) hanno siglato un accordo per poter proseguire anche nei prossimi anni questo tipo di esperienze sul territorio abruzzese.


Print Friendly and PDF

TAGS