Turismo, Biondi e Aquilio: “L’Aquila continua a crescere”

di Alessio Ludovici | 17 Giugno 2021 @ 17:59 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Conferenza stampa per snocciolare i dati sui flussi turistici che hanno interessato il Comune dell’Aquila in questi ultimi anni. “Già nel 2019 – ha spiegato Biondi in una conferenza stampa tenuta a Palazzo Fibbioni insieme all’assessore Fabrizia Aquilio – c’è stato un aumento interessante di presenza”. Dai dati emerge nel 2019 un’impennata rispetto alla media del paese nel periodo di maggio e poi ad agosto. Qui l’effetto del decennale del sisma è evidente. “Ma sono i dati 2020 quelli più interessanti”, aggiunge Biondi. E’ l’anno del Covid e nel periodo di riaperture estive, come noto c’è stato un notevole aumento dei flussi turistici che i dati ora confermano. Se gli arrivi mensili in italia nel mese di Agosto hanno fatto segnare un – 23,1%, in Abruzzo una crescita di circa il 6%, all’Aquila c’è un incremento del 26,5%. A tirare la volata è chiaramente anche il comprensorio del Gran Sasso. Per quanto riguarda le provenienze, ha spiegato il sindaco, tra gli stranieri sono tedeschi, francesi svizzeri e britannici le componenti trainanti. Per quanto riguarda l’Italia, invece, sono Lazio, Lombardia, Campania e Puglia le regioni con i numeri migliori. 

L’assessore Aquilio ha illustrato di nuovo cosa sta facendo il Comune per migliorare l’offerta turistica cittadina, dalla partecipazione alla Bit l’anno scorso e quest’anno nella edizione digitale, gli infopoint, la guida che verrà ristampata in 15mila copie, gli accordi con le guide turistiche e ora con gli accompagnatori di montagna. Dopo la Bit digitale gli accessi al sito QuiLaquila.it sono aumentati dell’81%.

Secondo l’assessore la percezione della città sta cambiando e se prima eravamo una meta di passaggio ora c’è un trend anche di permanenza in crescita e chi prenota una o due notti sempre più spesso poi decide di prolungare la sua permanenza. 

In crescita anche le strutture ricettive, in particolare quelle extra-alberghiere. In totale sono circa 150 rispetto a 128 del 2018, chiaramente a fare la parte del leone sono chiaramente i B&B che ora sono 98, 13 in più rispetto a tre anni fa e altri sono stati aperti in questo 2021.

Non è quantificabile, ma sicuramente visibile, l’impatto in termini di numeri dell’accoglienza nel sistema delle seconde case, degli airbnb, ecc..

L’assessore ha anticipato anche il lancio, anche quest’anno, del video promozionale che verrà trasmesso sugli schermi di  18 stazioni, ci sono anche quelle di Milano, 39 aree di servizio autostradali, per 42 giorni. Lo spot è stato anche selezionato per un concorso.

“Sono dati che ci danno conforto – ha spiegato l’Aquilino – vuol dire che stiamo lavorando”


Print Friendly and PDF

TAGS