Tsa, terza edizione di “Voci di terra e di luna”

di Redazione | 06 Giugno 2022 @ 15:54 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Torna  “Voci di terra e di luna”,  terza edizione,  “I paesi vivono di Arte”, a cura di Massimo Piunti  e  Silvia Di Gregorio, il 7 giugno, nel cortile della scuola di Ocre, alle 21.00, con gli studenti  dei laboratori delle scuole di Ocre e Roio e Fontecchio, i musicisti Bruno Morello, Armando Rotilio, Riccardo del Re, l’attore Alberto Santucci, documentazione video Sebastian Alvarez. Un laboratorio del Teatro Stabile d’Abruzzo  con la Libera Pupazzeria e la collaborazione  del corpo docente e dei dirigenti scolastici Antonio Lattanzi  dell’istituto comprensivo “Cesira Fiori” e  Marcello Masci dell’istituto comprensivo “Gianni Rodari” .

Protagonisti dello spettacolo saranno gli studenti delle tre scuole che insieme ai docenti, ai musicisti ed artisti coinvolti  hanno reinterpreato  la storia della  città, delle sue origini  e dei suoi abitanti intrecciandola con quella del territorio  circostante e del suo patrimonio artistico. 

Canti e  racconti e le tradizionali pupazze abruzzesi accompagneranno gli spettatori lungo le strade della memoria cercando di restituire tracce della storia della città, nata come  realtà composita,  formata da numerose  popolazioni del contado inurbate e che la circolazione delle idee, della cultura, di mercanti e pellegrini  rese e  rende tuttora ricca di contaminazioni e di  convivenze.

Il progetto vuole, coinvolgendo gli abitanti dei paesi e le scuole, portare allo scoperto la creatività  insita in ognuno attivando, attraverso la guida  sapiente degli artisti e professionisti coinvolti,  risorse,  energie e competenze

L’ auspicio è che, anche attraverso la consapevolezza della propria storia e delle proprie risorse, paesi, territorio e città continuino a tessere con rinnovata energia le proprie  relazioni, anche in un clima di gioia e partecipazione, immaginando   possibilità sempre nuove  e che sempre più persone, a partire dai più piccoli possano appassionarsi alle varie forme espressive, il teatro, la musica, le arti visive per liberare e concretizzare la propria creatività  dando vita a dinamiche virtuose  capaci di rendere attrattivi anche i  piccoli paesi.


Print Friendly and PDF

TAGS