Treni, D’Annuntiis e Di Maria: “accordo Regione, Trenitalia e Forze di Polizia per migliorare la sicurezza”

Gratuità del viaggio per le Forze dell’ordine su rete regionale

di Redazione | 27 Maggio 2021 @ 16:39 | UTILI
d'annuntiis
Print Friendly and PDF

PESCARA -Un accordo finalizzato all’incremento del fattore sicurezza, personale e patrimoniale, a bordo treno in ambito regionale è stato sottoscritto, questa mattina, a Pescara, in Regione, da Regione Abruzzo, Trenitalia, Polizia di Sato, Comando Legione Carabinieri Abruzzo e Molise, Comado regionale Guardia di Finanza e Provveditorato regionale dell’Amministrazione penitenziaria Lazio-Abruzzo-Molise. Tale accordo, finanziato con 550 mila euro dalla Regione e con validità dal primo giugno prossimo fino al 31 dicembre 2021, regolamenta la fruizione di gratuità per i servizi ferroviari regionali in seconda classe, nell’ambito della regione Abruzzo, da parte di appartenenti alle forze di polizia sulla base dell’eventuale adesione volontaria da parte di singoli interessati delle amministrazioni di Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Penitenziaria. L’ambito di efficacia dell’accordo è determinato dalle stazioni di confine: Vasto-San Salvo (linea Pescara-Termoli), Alba Adriatica-Nereto-Controguerra (linea Pescara-San Benedetto del Tronto), Oricola-Pereto (linea Pescara-Roma), Sella di Corno (linea Sulmona-Rieti), Ridotti-Collepiano (linea Avezzano-Cassino).

Lo ricordano D’Annuntiis e Di Maria.

All’incontro con i giornalisti hanno preso parte il Sottosegretario con delega al Trasporto pubblico locale, Umberto D’Annuntiis, il presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri ed il direttore della Protezione Aziendale di Trenitalia, Stefano Di Maria oltre ai rappresentanti delle Forze di Polizia. Il presidente della giunta regionale, Marco Marsilio, non ha potuto partecipare a causa di intervenuti impegni istituzionali a Roma. In funzione di questa intesa, gli operatori delle forze di polizia aderenti all’iniziativa potranno salire a bordo treno mediante l’apposita app “Board Support”, scaricabile su qualsiasi smartphone. La profilazione per la registrazione e per l’accreditamento dei beneficiari, per ogni singola tratta, avverrà in forma anonima, con l’inserimento dell’indirizzo email rilasciato dall’Amministrazione di appartenenza o, in alternativa, di un indirizzo email con dominio gmail.com, nonché dell’utenza mobile in uso all’operatore.

In caso di necessità e di richiesta di intervento da parte del Personale di accompagnamento, l’appartenente alle Forze di polizia in possesso delle qualifiche pubblicistiche di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza, valuterà caso per caso le modalità operative più adeguate, avendo cura di salvaguardare l’integrità personale propria, del personale operante sui treni nonché la sicurezza dei viaggiatori.

“In questi due anni – ha affermato il Sottosegretario D’Annuntiis – abbiamo cercato di dare esecuzione ad una legge regionale, la n. 7 del 2015, che, finora, non aveva potuto portare a risultati concreti per mancanza di risorse. Oggi, grazie all’impegno comune di Giunta e Consiglio, si sono create le giuste condizioni attraverso una rimodulazione di fondi Sviluppo e Coesione (FSC). In realtà, -ha spiegato D’Annuntiis – la sicurezza è stata sempre garantita a bordo dei treni regionali. Tuttavia, con questo accordo con Trenitalia e le Forze di Polizia che auspichiamo possa essere, al più presto, esteso anche agli appartenenti ai Vigili del Fuoco e alla Guardia costiera, grazie al Consiglio regionale che ha recentemente modificato la legge regionale di riferimento, abbiamo riconosciuto libera circolazione agli appartenenti alle Forze dell’ordine consentendo loro di intervenire a bordo treno per garantire la sicurezza dei viaggiatori e del personale di Trenitalia. Inoltre, – ha aggiunto – abbiamo stabilito le modalità di intervento nel rispetto della privacy e dell’efficacia del servizio. Tale iniziativa – ha proseguito D’Annuntiis – rappresenta un segnale di grande attenzione da parte di Giunta regionale e Consiglio regionale per l’attività che svolgono quotidianamente le Forze dell’ordine. Ne beneficeranno soprattutto i cittadini che viaggiano abitualmente sui convogli ferroviari regionali. La gratuità del viaggio per gli appartenenti alle Forze dell’ordine – ha concluso D’Annuntiis – andava sicuramente riconosciuta anche perché quanti, tra gli appartenenti alle Forze di Polizia si registreranno all’app, saranno chiamati ad intervenire, che siano in servizio o meno, che vestano una divisa oppure no. In qualsiasi momento, gli operatori ferroviari presenti sui treni conosceranno, in tempo reale grazie all’app, quali e quanti operatori delle Forze dell’ordine saranno presenti a bordo”.


Print Friendly and PDF

TAGS