Treccani presenta l’Atlante delle imprese culturali e creative

di Michela Santoro | 24 Novembre 2023 @ 05:00 | CULTURA
Atlante
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Una fotografia dettagliata e complessiva dello stato del settore delle imprese culturali e creative.  Parliamo dell’ Atlante delle imprese culturali e creative in Italia 2023, curato da Roberto Grossi in qualità di direttore scientifico, pubblicato dall’Istituto della enciclopedia italiana Treccani e promosso da Cultura Italiae, Aici, Istat, Istituto Credito Sportivo, Unioncamere, con il sostegno di Intesa Sanpaolo, il patrocinio dell’Anci, la collaborazione di Federculture e Fitzcarraldo.

“Tre anni di lavoro e di ricerca per realizzare l’Atlante. La prima riflessione organica e concettuale sull’impresa culturale e creativa in Italia”. Sono queste parole di Roberto Grossi che ha aggiunto:

“È un viaggio alla scoperta di quelle realtà, alcune sconosciute, che producono arte, bellezza, ricchezza economica e che rappresentano l’identità culturale del paese.
Sono realtà fortemente radicate nei diversi tessuti territoriali, con caratteristiche di trasversalità tra comparti, con un elevato tasso di creatività e innovazione e orientate, prevalentemente, al benessere della collettività. La ricerca ne analizza le dinamiche, la loro diffusione nelle diverse aree del paese e ne identifica i tratti distintivi tra vocazione culturale, socialità e management”.

Presentato ieri al Maxxi L’Aquila, l’Atlante rappresenta uno strumento di approfondimento e di analisi che favorisce la conoscenza e la valorizzazione di un ampio comparto economico e sociale, incentivandone lo sviluppo anche tramite politiche mirate capaci di attivare processi virtuosi e di innescare effetti positivi a sostegno delle idee, della crescita delle professionalità, del trasferimento delle conoscenze, della creazione di reti e di partnership, della ricerca degli strumenti organizzativi e finanziari più adeguati.

Alla presentazione sono intervenuti il presidente della Fondazione Maxxi, Alessandro Giuli; il direttore Generale Treccani, Massimo Bray; il presidente di Cultura Italiae, Angelo Argento; il direttore scientifico dell’Atlante, Roberto Grossi; l’espero di ‘La cultura cura’, Sandro Rullo e il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

I numeri dell’Atlante

600 pagine – 250 immagini – 700 tra carte, tabelle e grafici – tre sezioni 

Le sezioni

La prima sezione è dedicata al contesto culturale, con testi riccamente illustrati da grafici, tabelle e oltre 100 fotografie propone: 5 saggi di inquadramento delle dinamiche produttive e macroeconomiche del settore culturale e creativo italiano e 13 saggi di settore firmati da autorevoli esperti che fanno il punto su: Arti Visive , Beni Culturali, Biblioteche e Archivi, Cinema e New Media, Design, Editoria e stampa, Festival, Moda, Musei , Musica, Paesaggio, Sport, start-up.

La seconda sezione è dedicata ai dati, con 188 rappresentazioni cartografiche e l’analisi sistematica dei dati (470 tabelle) relativi a imprese e addetti dei diversi ambiti produttivi, distinti su base nazionale, regionale e provinciale, aggiornati al 31 dicembre 2022.

La terza sezione, infine, è dedicata alle esperienze. A partire dalla ricognizione e selezione – metodologicamente argomentate – di una significativa serie di esperienze di imprese culturali, vengono proposti un centinaio di casi di eccellenza con 100 immagini evocative, di forte impatto visivo.

“La grande novità consiste nella individuazione di una matrice che propone un modello di perimetrazione delle filiere di cultura e creatività, stabilendone i settori e le attività produttive che ne fanno parte e le interdipendenze tra loro; fondamentale anche in vista della definizione del nuovo quadro normativo, che si sta definendo in parlamento, sul settore e sul Made in Italy.

L’Atlante – conclude il curatore Grossi – ci regala un suggestivo e approfondito racconto di realtà imprenditoriali, ma anche vicine al terzo settore, ricche di competenze, professionalità e di quelle energie creative che rendono il paese attraente e competitivo.”


Print Friendly and PDF

TAGS