Tornimparte. Rifiuti alla Cogesa, Di Benedetto: “Valutare altre soluzioni”

Il consigliere del gruppo 'Speranza e futuro' critica le scelte dell'amministrazione comunale che ha deciso di affidarsi alla società "lacerata da beghe politiche"

di Redazione | 26 Aprile 2022 @ 12:00 | POLITICA
Speranza e futuro
Print Friendly and PDF

TORNIMPARTE – “Mentre nei giorni scorsi il  sindaco di Scoppito Marco Giusti firmava  l’acquisto delle quote sociali e il Consiglio comunale di Scoppito approvava lo schema di contratto con Asm per lo svolgimento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti soldi urbani, il sindaco di Tornimparte Giammario Fiori con la sua maggioranza, al Consiglio comunale del 20/04/2022,  ha ritenuto di bocciare la mozione proposta dalla minoranza con cui si  impegnava  lo stesso sindaco Fiori e la Giunta comunale a  porre in essere qualsiasi iniziativa volta ad acquisire, al protocollo dell’ente, ulteriori offerte tecniche da altre società che operano nel settore della gestione integrata dei rifiuti urbani ed assimilati, seguendo il criterio della vicinanza territoriale e dandone comunicazione ai consiglieri comunali, in ogni caso, con congruo anticipo rispetto alla scadenza della Convenzione per la gestione integrata dei rifiuti, sottoscritta dal Comune di Tornimparte e dalla Cogesa con scadenza al 31 dicembre 2022″. A scriverlo in una nota è il consigliere di minoranza di ‘Speranza e futuro’ Gianfranco Di Benedetto: 

“In tal modo l’amministrazione avrebbe avuto diverse soluzioni tra cui scegliere la più conveniente e non solo dal punto di vista economico per i propri cittadini ed avrebbe potuto scongiurare la realizzazione  del centro di raccolta dei rifiuti e del centro di compostaggio in  località “Felciare”.  In questo modo la maggioranza ha voluto dare un chiaro segnale di forza nei confronti della minoranza e maggiormente nei confronti della cittadinanza contraria alla realizzazione di detti impianti, evitando un confronto libero e democratico e ignorando le istanze provenienti dal territorio…….. e pensare che determinati comportamenti, per loro Pdemocratici, vengono   definiti di stampo fascista. Considerato  che la  Cogesa lacerata da beghe politiche interne, versa  in una situazione economica preoccupante che inevitabilmente si ripercuoterà sui Comuni soci e di conseguenza nelle tasche dei cittadini e, poiché ancora non sono per nulla chiare le motivazioni che hanno indotto il comune di Tornimparte ad affidarsi alla stessa Cogesa, senza avviare preliminarmente  un’indagine di mercato e valutare tra  più proposte quella conveniente per il nostro Comune, il gruppo consiliare di minoranza al comune di Tornimparte “Speranza e futuro”, composto dai consiglieri Sarra Angelo, Di Benedetto Gianfranco, Carducci Ferdinando e Ruzza Alessandro presenterà un’interrogazione in tal senso”.

 


Print Friendly and PDF

TAGS