Tornimparte 2002, ventennale della società

di Enrico M. Rosati | 30 Luglio 2022 @ 06:15 | SPORT
Tornimparte
Print Friendly and PDF

TORNIMPARTE  –  Iniziano, il 29 luglio, le giornate di festeggiamento per i 20 anni dell’A.S. Tornimparte 2002 e i 50 anni della storica fondazione. Un traguardo importante, che lascia il segno- Il calcio a Tornimparte è da ormai mezzo secolo lo sport del Comune e i tifosi seguono la squadra con ardore e calore. Le Notti Bianco Rosse si concluderanno il 30 luglio. 

“Abbiamo organizzato questa bellissima festa per i 20 anni della nostra società nata da un gruppo di amici che ha voluto rifondare la storica Tornimparte e, dalla seconda categoria, siamo riusciti ad arrivare al Campionato di promozione. Sono quattro anni che siamo in questo campionato e abbiamo cercato di sviluppare anche il settore giovanile, scuola calcio, che adesso è composta da circa 140 bambini. Lo spirito della nostra società è quello di aggregare i giovani a questo sport e toglierli dai vizi a cui la società di oggi li espone. Noi abbiamo una cultura di inclusione sociale e solidarietà. Abbiamo un’Amministrazione Comunale che ci è molto vicina, ci aiuta e ci supporta in tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Questo ventennale è un grande obiettivo perché significa che abbiamo lavorato bene in questi anni, non solo io, ma anche i miei predecessori. Abbiamo un gruppo di ex atleti, dirigenti e presidenti tuttora molto attivi e vicini alla nostra società. Il Tornimparte Calcio può essere definito come una grande famiglia, chi ci entra per la prima volta ci resta per sempre, indipendentemente dalle strade che prende in futuro data la volatilità intrinseca al gioco del calcio. Anche i 50 anni sono molto importanti, soprattutto a livello sociale e culturale del paese.” Afferma il presidente Orlando Aliucci. 

“Se tutto ciò è possibile è grazie a tutti ma, in particolare, a Davide Carducci per l’impegno, la passione, la dedizione e lo spirito di squadra. Un ragazzo d’oro che si fa carico di tutto, con serenità.” Claudio Carducci

Un traguardo fortemente supportato dall’Amministrazione comunale, infatti così Giammario Fiori: 

“Grande orgoglio per un risultato che certifica non solo la longevità dell’Sssociazione ma che dimostra la grande vivacità di un paese e di un territorio composto da persone che vivono il comune e si prodigano affinché una squadra di calcio non sia solo orientata allo sport agonistico. Una squadra come la Tornimparte 2002 che garantisce l’accesso allo sport a oltre 100 ragazzine e ragazzini, che supporta le famiglie con la scuola estiva e che onora il nome di Tornimparte. E’ ormai una realtà consolidata tra le quattro/cinque società più importanti del territorio aquilano, risultato ottenuto grazie all’impegno di tutti, a partire da Ugo Colaiuda, presidente della Rifondazione, per poi passare a Mario Corsi, a Luigi Gorini, a Carlo Carducci, a Stefano Nuvolone per finire con Orlando Aliucci – a cui vanno gli auguri da parte dell’Amministrazione comunale per la sua recente nomina. Ricordo con l’affetto con cui si ricordano i tempi lontani ma non dimentico i momenti bui in cui un gruppo di amici credeva in un progetto, mentre alcuni amministratori del passato li chiamavano ubriaconi. Oggi possiamo dire che il sostegno – anche solo morale – e le infrastrutture sportive sono fondamentali e condizione indispensabile affinché  si viva lo sport nelle aree interne e oggi si possa godere di questa giornata che ha attratto nel centro sportivo comunale oltre 100 ex calciatori. Menzione speciale per il consigliere Davide Carducci che dimostra giornalmente lungimiranza e rare doti organizzative. Vado anch’io a prepararmi per giocare in quanto membro della grande famiglia del Tornimparte 2002 con l’unico obiettivo, stasera, di fare un tunnel al capitano Benedetto Di Battista. Vola AS Vola!” Conclude il Sindaco Giammario Fiori

Luigi Irace, storico capitano dell’A.S. Tornimparte, una delle figure simbolo della squadra: 
“L’A.S. Tornimparte è stata fondata nel 72, 50 anni fa, ed il primo campionato di terza categoria è stato fatto nel 73. Quel campionato venne giocato da poche squadre tra cui l’Amiternina che lo vinse, noi ci difendemmo arrivando a metà classifica. Nel 74 si andava a giocare al campo dei Salesiani perché non avevamo un posto dove allenarci o giocare a Tornimparte. Mi ricordo che andavamo con l’autobus perché c’era l’austerità e così facevano pure i tifosi che venivano, insieme a noi, al campo. All’epoca la maggior parte dei giocatori erano persone che studiavano e lavoravano, di conseguenza si arrivava alla partita poco preparati. Gli allenamenti si facevano abbastanza poco e ci si ritrovava sul campo di calcio direttamente la domenica. La società è andata avanti per 30 anni, il primo presidente è stato mio padre, Giosuè Irace, a seguire ci sono stati Angelo ColaiudaRodolfo Fabi, Pino Colaiuda e Tonino Sterpone. Si sono succeduti anche moltissimi allenatori della squadra tra i quali Ermenegildo ColaiudaGiovanni Di BattistaCesellino Del Coco, Gabriele PerilliVincenzo Dionisi, Marchesani e Italo Vivola. I 20 anni della società nuova sono stati sicuramente anni di grandi successi, nella fase precedente noi abbiamo vinto qualche campionato ma siamo sempre rimasti in campionati inferiori. Viceversa con questo ventennio del Tornimparte 2002 c’è stato un gruppo dirigenziale molto unito e attivo che ha creato un ambiente diverso di grande complicità e impegno e anche il gruppo dei giocatori che si sono succeduti ha dimostrato un grande attaccamento alla squadra che ha portato a dei risultati buoni fino, ad arrivare alla Promozione, che è un grande risultato per un comune come quello di Tornimparte. Un piccolo vanto può essere quello di aver giocato nello stesso campionato dell’Amiternina. Una delle cose che hanno aiutato questa scalata è stata indubbiamente la presenza del campo da calcio che finalmente la società può utilizzare per allenamenti e partite.” 

 


Print Friendly and PDF

TAGS