Test covid sbagliati, Dante Labs nel mirino delle autorità inglesi

di Alessio Ludovici | 16 Ottobre 2021 @ 14:27 | CRONACA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – 43mila persone sarebbero uscite da una clinica inglese con un test anticovid sbagliato in poco più di un mese. Al centro della vicenda la Immensa Heath Clinic, dei proprietari di Dante Labs su cui le autorità britanniche ha aperto un’investigazione. Lo rende noto il Guardian.  

La UK Health Security Agency, l’agenzia sanitaria britannica, ha annunciato la sospensione dei laboratori di Immensa Health Clinic a Wolverhampton, informa il quotidiano. 

Il problema sarebbe nato quando una serie di persone è risultata negativa a questi test e positiva contestualmente in altri fatti altrove. Secondo l’agenzia sanitaria sarebbero almeno 43mila le persone che hanno avuto un risultato del test sbagliato tra l’8 settembre ed il 12 ottobre.

“Un incidente isolato attribuito ad un laboratorio” ha assicurato al Guardian, Will Welfare, ma ora si stanno verificando anche gli altri laboratori.

La polemica è anche politica. Immensa Health Clinic, spiega il Guardian, è di proprietà del fondatore di Dante Labs, ed è operativa in Uk dal maggio 2020. Secondo il ministro ombra alla salute, Jonathan Ashworth, “domande molto serie devono essere fatte su come un’azienda privata che non esisteva prima di maggio 2020, ha avuto un contratto di 120milioni di sterline”. 


Print Friendly and PDF

TAGS