“Terapie intensive aperte” , la proposta alla Asl di Chieti

di Redazione | 20 Marzo 2021, @11:03 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

CHIETI – “Terapie intensive aperte”, la proposta alla Asl di Chieti. Le Associazioni “Gruppo art. 118 u.c.cost, sussidiarietà orizzontale”, “Diritti in Movimento”, “Chieti, Città Unite Giorgio La Pira”, “Diapsi”, con la collaborazione del Comune di Chieti – Assessorato alla Sanità, hanno lanciato la sfida costruttiva e strategica per la realizzare nella nostra ASL un progetto :”Terapie Intensive Aperte ” ai familiari dei pazienti nei reparti di riabilitazione e Covid.

Il tema è stato affrontato in un incontro di lavoro con il prof. Salvatore Maurizio Maggiore, Direttore della unità di Anestesia e Rianimazione del policlinico di Colle dall’Ara, l’Assessore alla Sanità del Comune di Chieti, il dr. Giancarlo Cascini, e il Portavoce delle Associazioni, dott. Manlio Madrigale.

Gli Interlocutori hanno condiviso la volontà di realizzare la proposta sopraindicata, evidenziando tuttavia, le attuali difficoltà operative, determinate dallo stato pandemico in corso.

Come primo atto, è stata accolta la proposta dell’Assessore Cascini, sulla necessità di utilizzare gli strumenti digitali (video chiamate , e altro) per la comunicazione tra famigliari e pazienti, in funzione delle condizioni di salute, cosa che peraltro il prof. Maggiore e la sua equipe stanno già portando avanti.

È stato inoltre, evidenziato l’opportunità del ricorso alla Telemedicina da parte dei sanitari e delle altre categorie interessate.

È stata infine ribadita la volontà di Comunicare la proposta alla Direzione Generale della ASL e di coinvolgere tutte le componenti il consorzio civile per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Un impegno che coinvolge quindi tutti, attraverso un patto di alleanza tra cittadini ed istituzioni.


Print Friendly and PDF

TAGS