Tendostruttura Paganica, crolla secondo telone

Lo rende noto la segretaria del circolo Pd di Paganica e frazioni, Deborah Palmerini

di Redazione | 28 Novembre 2022 @ 10:26 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Ci eravamo lasciati il quattro novembre con l’evidenza di un secondo telone da sostituire alla tendostruttura  della scuola media di Paganica, necessità emersa dal sopralluogo effettuato dai tecnici del Comune, in seguito alla sostituzione del telone caduto a fine luglio”.

Così una nota della segretaria del circolo Pd di Paganica e frazioni, Deborah Palmerini.

“A comunicarlo – prosegue la nota –  fu l’Assessore alle Opere Pubbliche Vito Colonna, al quale oggi siamo noi a segnalare che i fatti, di nuovo, sono precipitati.

La notte fra sabato e domenica scorsi infatti, a quattro mesi esatti dal precedente incidente, è crollato un secondo telone della tendostruttura che ospita la palestra della scuola media della frazione, sul lato opposto rispetto al primo.

In questi giorni, in cui in città serpeggia l’indignazione dopo l’assegnazione al Comune dell’Aquila del premio per le fantomatiche “Scuole sicure e confortevoli”, alla beffa si aggiunge l’ulteriore danno alla scuola media di Paganica, a conferma di quanto sia urgente e necessaria una ricognizione attenta di tutti gli edifici provvisori ad uso scolastico cosiddetti m.u.s.p., con l’obiettivo di garantire la sicurezza della popolazione scolastica.

Siamo infatti ormai ben consapevoli dell’obsolescenza di tali strutture, così come del fatto che  dovranno essere frequentati ancora per anni malgrado la posa di una prima pietra, i proclami e i cronoprogrammi esageratamente ottimistici sulla ricostruzione degli edifici scolastici.

I fatti dicono che dopo 13 anni, le scuole in muratura sono ancora su carta e i m.u.s.p. mostrano i segni del tempo o peggio, come nel caso della scuola media di Paganica, per la quale è recente la scoperta anche di pesanti infiltrazioni sotto la pavimentazione della tendostruttura, diventano pericolose per l’incolumità di studenti, insegnanti e personale.

Chiediamo trasparenza e condivisione dei percorsi. È necessario  – conclude Palmerini – inoltre che la ricostruzione delle scuole diventi finalmente una priorità per l’amministrazione, non soltanto a parole, di pari passo con la sicurezza dei bambini e dei ragazzi.

Richieste che i Consiglieri Comunali del Partito Democratico hanno fatto attraverso l’interrogazione depositata dal capogruppo Stefano Albano lo scorso 15 ottobre, per la quale si attende ancora il confronto nell’aula consiliare”.

 


Print Friendly and PDF

TAGS