Tagliacozzo, il Festival celebra i 100 anni di Federico Fellini

di Redazione | 04 Agosto 2020 @ 11:33 | EVENTI
Print Friendly and PDF

TAGLIACOZZO –L’inaugurazione sinfonica della 36° edizione del Festival di Tagliacozzo apre al cinema di Federico Fellini per celebrarne il 100° anniversario della nascita con uno straordinario concerto.

Per la rubrica “Anniversari” la kermesse diretta da Jacopo Sipari di Pescasseroli presenta Mercoledì 5 Agosto alle ore 21.15 presso la suggestiva cornice del Chiostro di San Francesco, autentico capolavoro architettonico medievale, uno spettacolo evocativo e suggestivo, in collaborazione con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese con gli arrangiamenti del compositore Michele Cellaro, dedicato al centenario della nascita del grande regista di Rimini.

Nato a Rimini il 20 gennaio 1920, Fellini è stato un regista, sceneggiatore, fumettista, attore e scrittore tra i più grandi d’Italia. Considerato uno dei maggiori registi della storia del cinema, nell’arco di quarant’anni – da Luci del varietà del 1950 a La voce della Luna del 1990 – ha “ritratto” in decine di lungometraggi una piccola folla di personaggi memorabili. Definiva sè stesso “un artigiano che non ha niente da dire, ma sa come dirlo”. Ha lasciato opere ricche di satira e velate di una sottile malinconia, caratterizzate da uno stile onirico e visionario. I titoli dei suoi più celebri film – I vitelloni, La strada, Le notti di Cabiria, La dolce vita, 8½ e Amarcord – sono diventati dei topoi citati, in lingua originale, in tutto il mondo. I suoi film La strada, Le notti di Cabiria, 8½ e Amarcord hanno vinto l’Oscar al miglior film straniero. Candidato 12 volte al Premio Oscar, per la sua attività da cineasta gli è stato conferito nel 1993 l’Oscar alla carriera. Ha vinto inoltre due volte il Festival di Mosca (1963 e 1987), la Palma d’oro al Festival di Cannes nel 1960 e il Leone d’oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1985.

Le note immortali de I vitelloni, La strada, La dolce vita, 8½ e Amarcord e moltissimi altri risuoneranno nell’aria del Festival per un progetto che inaugura “gli Anniversari” del Festival Abruzzese, ormai considerato tra i più prestigiosi d’Italia.

“Abbiamo pensato quest’anno – dice Sipari – di inserire una rubrica dedicata ai numerosi anniversari “2020” e ci sembrava giusto aprire con un omaggio al genio felliniano e alla musica di Nino Rota. La straordinaria cornice del Chiostro e la maestria dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese faranno il resto. Devo ringraziare di cuore il Maestro Michele Cellaro per aver curato i meravigliosi arrangiamenti. Il legame tra cinema e musica è tra i più potenti in assoluto. Basta ascoltare poche note dalla colonna sonora di un film per rivederlo davanti ai nostri occhi, ricordandone ogni sequenza. Il legame tra Federico Fellini e Nino Rota fu un legame quasi mistico, che diede origine a veri e propri capolavori, sull’onda di una collaborazione spesso segnata dalla casualità”.

A dirigere il concerto uno tra i migliori direttori della sua generazione, il Maestro Dian TCHOBANOV, allievo di Sir Colin Davies a Dresda, Fabio Luisi e Michael Halas, direttore ospite, tra le altre, del RSO di Vienna e dell’Orchestra dell’Arena di Verona. Un omaggio che attraversa il rapporto strettissimo tra Federico Fellini e il Maestro Nino Rota, una sinergia fortissima che ha profondamente cambiato il modo di concepire la musica per il cinema.

Biglietti e info su www.i-ticket.it


Print Friendly and PDF

TAGS