Superbonus, Castelli: “Per aree sisma no stop o modifiche fino al 2025”

di Redazione | 09 Gennaio 2024 @ 15:03 | ATTUALITA'
superbonus-110
Print Friendly and PDF

ROMA – “Il Decreto-legge n. 212/2023, approvato dal Consiglio dei ministri lo scorso 29 dicembre e dedicato al Superbonus 110% non contiene né modifiche né limitazioni rispetto al diritto
al diritto di cumulare, fino al 31 dicembre 2025, il contributo sisma con il superbonus per la
riparazione degli immobili danneggiati da sisma.

Si tratta di una precisazione che si rende necessaria al fine di evitare equivoci o fraintendimenti – lo dichiara Guido Castelli, Commissario straordinario alla Riparazione e alla Ricostruzione sisma 2016 -ho ritenuto utile fugare ogni dubbio rispetto a una misura approvata lo scorso anno dal Parlamento (comma 3 dell’articolo 2 del DL 11/2023) di grande importanza alla quale, nel corso del 2023, abbiamo continuato a lavorare, siglando Protocolli d’intesa con istituti di credito che hanno garantito un plafond di 1 miliardo di euro. Inoltre, d’intesa con Agenzia Entrate, abbiamo ottimizzato le linee guida che disciplinano il doppio contributo del sisma bonus e del superbonus. Le attività possono dunque proseguire nel corso del biennio 2024-20025 con l’obiettivo di accelerare ulteriormente il processo di ricostruzione, anche avvalendoci di questo strumento”.

Il testo vigente del citato comma 3 dell’articolo 2 del DL 11/2023 rimane dunque il seguente: “Le
disposizioni di cui al comma 1 non si applicano agli interventi effettuati in relazione a immobili
danneggiati dagli eventi sismici di cui all’articolo 119, comma 8-ter, primo periodo, del decreto-legge
19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, nonché in
relazione a immobili danneggiati dagli eventi meteorologici verificatisi a partire dal 15 settembre 2022
per i quali è stato dichiarato lo stato di emergenza con le deliberazioni del Consiglio dei ministri 16
settembre 2022, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 221 del 21 settembre 2022, e 19 ottobre
2022, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 255 del 31 ottobre 2022, situati nei territori della regione
Marche”.

Pertanto, potranno continuare a beneficiare dello sconto in fattura e della cessione del credito di
imposta (i due vantaggi che “in ordinario” il D.L. 11/2023 ha cancellato, a partire dal 17 Febbraio
2023, lasciando la sola detrazione fiscale del singolo contribuente) tutti coloro che entro il 31 Dicembre
2025 sosterranno spese, relative a qualsiasi intervento di ricostruzione post sismica di edifici
danneggiati e resi inagibili nei comuni per i quali sia stato dichiarato lo stato d’emergenza a far data
dal 1° Aprile 2009, riguardanti gli importi eccedenti il contributo previsto per la ricostruzione di cui al
c. 1-ter (ecobonus) e/o al c.4-quater (sismabonus) ovvero nel caso di applicazione del c.d. “superbonus
rafforzato”, alternativo al contributo per la ricostruzione, di cui al c.4-ter dell’art. 119 del DL 34/2020.


Print Friendly and PDF

TAGS