Sulmona, giovane condannata per percezione indebita del reddito di cittadinanza

di Redazione | 15 Dicembre 2023 @ 11:45 | CRONACA
Reddito di cittadinanza
Print Friendly and PDF

SULMONA (AQ) – Una giovane residente in Alto Sangro è finita sotto processo per la percezione indebita del reddito di cittadinanza. La donna è stata smascherata nel periodo 2020-2021 quando, nell’ambito di specifiche indagini svolte dalla Guardia di Finanza sui cosiddetti “furbetti del reddito”, aveva falsamente dichiarato, all’atto della presentazione della domanda per ottenere il beneficio, di risiedere in un’abitazione collocata nel territorio comunale di Pescocostanzo (L’Aquila).

La condanna, inflitta dal giudice monocratico del Tribunale di Sulmona (L’Aquila), Francesca Pinacchio, è di due anni e quattro mesi di reclusione più il pagamento delle spese processuali.

Le verifiche svolte hanno permesso di accertare che l’abitazione in questione risultava affittata a terzi e che la donna, al contrario di quanto dichiarato, viveva con i suoi familiari, con conseguente cumulazione del reddito.

Da novembre 2020 a ottobre 2021 l’imputata aveva percepito indebitamente la somma di 7.800 euro. Da qui la condanna per percezione indebita alla pena di 28 mesi di reclusione.


Print Friendly and PDF

TAGS