Stelle Michelin, il mondo dietro l’alta cucina

"Una è buono, due è favoloso, tre è per gli dèi"

di Enrico M. Rosati | 29 Giugno 2023 @ 11:40 | SALUTE E ALIMENTAZIONE
Michelin
Print Friendly and PDF

Ha aperto questa settimana il ristorante dello chef William Zonfa a Palazzo Micheletti, e questo ha portato qualcuno a pensare cosa sia, esattamente, una stella Michelin e come questo riconoscimento venga ottenuto. E’ indubbio che ormai la Michelin giochi un ruolo fondamentale nella cultura popolare, tutti ne riconoscono il valore e l’importanza, ma tra questi c’è ancora una buona fetta che non ha idea di cosa significhi, nel concreto, essere un ristorante stellato. 

Da quanto afferma la Michelin, nell’assegnare una stella si tengono in considerazione 5 requisiti fondamentali:

la qualità degli ingredienti, l’armonia dei sapori, la padronanza delle tecniche, la personalità dello chef espressa nella sua cucina e, cosa altrettanto importante, la coerenza nel tempo e dell’intero menù

Importante sottolineare, quando si parla di stelle Michelin, che ogni stella abbia un significato ben preciso, e ogni stella può essere considerata come un passo verso quella che a conti fatti è una scalata – per quanto difficile – omogenea.

La prima Stella Michelin viene assegnata ai ristoranti che utilizzano ingredienti di prima qualità, dove i piatti – dai sapori distinti – sono preparati secondo uno standard costantemente elevato.

La Seconda stella Michelin vengono assegnate quando la personalità e il talento dello chef traspaiono chiaramente dai suoi piatti; la sua cucina è raffinata e ispirata.

La terza stella Michelin è il massimo riconoscimento, assegnato alla cucina superlativa di chef all’apice della loro professione; la loro cucina si è elevata a forma d’arte e alcuni dei loro piatti sono destinati a diventare classici.. 

Ad oggi, sono 142 i ristoranti con 3 stelle e l’Italia non è nemmeno nella top 3, infatti sono 12 i ristoranti con 3 stelle, e nonostante tra questi il nome più noto è indubbiamente di Antonino Cannavacciuolo anche l’Abruzzo vanta la presenza di un ristorante stellato già dal 2014 a firma Niko Romito

La storia della guida Michelin, per quanto bella, è ancora poco nota e soprattutto racconta molto di quanto l’interdisciplinarietà gioca un ruolo fondamentale in tutto ciò che si fa nella vita. Nel 1898 i due fondatori della fabbrica di pneumatici Michelin decisero di creare una guida gratuita per aiutare gli automobilisti a scegliere i ristoranti durante i loro tragitti, e questa, più di un secolo dopo, continua a esistere ed ha contribuito in modo fondamentale allo sviluppo dell’enogastronomia nel mondo. 


Print Friendly and PDF

TAGS