Stati generali a Roccaraso, la montagna priorità nazionale all’epoca del recovery fund

di Redazione | 25 Luglio 2020, @12:07 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

ROCCARASO – L’Appennino diventa priorità nazionale all’epoca del recovery fund: è una delle annotazioni emerse dagli Stati generali della montagna.

“L’emergenza Covid-19 ci ha chiarito ancora una volta che alcuni diritti universali non sono negoziabili ma vengono prima dei vincoli di bilancio e lo Stato deve garantirli a tutti: salute e scuola su tutti. Reti, fibra, scuola, trasporti, punti nascita in montagna o nelle aree interne, non possono essere condizionati da un vincolo di bilancio o da un algoritmo. Tocca poi allo Stato garantire i livelli essenziali delle prestazioni e la classe politica ha il dovere di trovare le risorse ma tutelando sempre prioritariamente quelle per garantire i diritti universali. Non si può chiudere un plesso di una scuola in un’area interna perché manca uno studente, se necessario si cambia l’algoritmo, ma la scuola resta aperta”. Così il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, aprendo gli Stati generali della Montagna, in corso ieri e oggi a Roccaraso (Aq), organizzati dal Dipartimento per gli Affari regionali e le Autonomie, a cui partecipano anche la ministra per l’Innovazione, Paola Pisano, e il ministro per il Sud, Peppe Provenzano.

L’iniziativa è stata voluta dal Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Francesco Boccia per stimolare il confronto tra i rappresentanti delle istituzioni, degli enti locali e i principali stakeholder dei territori montani. Previsti interventi di Ministri e rappresentanti delle istituzioni centrali e locali. La sessione fa seguito all’evento di lancio della ‘fase 2’ degli Stati Generali della Montagna, tenutosi presso il Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie (DARA) lo scorso 31 gennaio. Per l’occasione, la due giorni di Roccaraso prevede sia sessioni di lavoro in plenaria che lavori di gruppo su tematiche inerenti la sostenibilità, la resilienza, la green economy, la digitalizzazione. Minimo comune denominatore, la montagna e le strategie di rilancio del tessuto montano per il post-Covid.

L’iniziativa degli Stati Generali della Montagna è inserita nell’ambito del Progetto ITALIAE, cofinanziato con il PON Governance e Capacità istituzionale 2014-2020. Partner dell’evento saranno, per l’occasione, UNCEM (Unione nazionale dei Comuni, Comunità ed Enti Montani) e il Comune di Roccaraso.

 


Print Friendly and PDF

TAGS