Spostamenti tra le regioni, seconde case: ecco come funziona con il nuovo Dpcm

di Redazione | 05 Novembre 2020 @ 16:55 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

Dipenderà dal coloro della regione. Questo il concetto basilare per gli spostamenti tra regione e regione. Da quelle gialle, a minori rischio, è consentito spostarsi verso qualsiastra altre regione anch’esse “gialla”.
Chi vive nelle regione rosse o arancioni invece non non può uscire dalla sua regione salvo “comprovate esigenze lavorative, di necessità o salute” specifica il decreto. 

Regioni gialle
Nonostante si ribadisca che in ogni caso fortemente raccomandato non spostarsi, da una regione gialla ci si può spostare verso una gialla confinante senza autocertificazione, ma si può anche transitare in una regione rossa per raggiungerne una gialla.
Da una regione gialla ci si può spostare in una rossa (al momento Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta e Calabria) o in una arancione (Sicilia e Puglia) solo per «comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute». In questo caso il modulo di autocertificazione è necessario.

Regioni rosse e arancioni
Chi vive nelle regioni che rientrano nello scenario rosso («massima gravità e alto rischio») o in fascia arancione («elevata gravità e alto rischio») non può uscire dal proprio comune di residenza o domicilio salvo le usuali comprovate esigenze. Ad esempio chi abita nelle regioni rosse o arancioni non potrà spostarsi dunque liberamente nelle seconde case in un altro comune o regione, salvo lavori urgenti. Stesso discorso per esempio, per un cittadino in una regione gialla che possiede una seconda casa in una regione rossa o arancione.


Print Friendly and PDF

TAGS