Sos rifiuti: in Abruzzo bonificate 12 ex discariche

di Cristina D'Armi | 23 Ottobre 2020 @ 07:00 | AMBIENTE
discarica rifiuti
Print Friendly and PDF

L’AQUILA –  Il 24 marzo 2017, sono state assegnate 81 discariche da bonificare a Giuseppe Vadalà,  commissario straordinario a capo della task force messa a disposizione dall’Arma dei Carabinieri per far fuoriuscire l’Italia dalla procedura d’infrazione europea. Ad oggi, più della metà dei siti inquinati sono stati bonificati: un totale di 48 discariche su 81, di cui 12 si trovano in Abruzzo e sono state espunte dalla procedura di infrazione da parte dell’Unione Europea. Seguono Campania (7), Calabria (8), Sicilia (6), Lazio (4), Veneto (2), Puglia (1) e Toscana (1). In questo modo è stato permesso all’Italia di risparmiare 19milioni e 200mila euro ogni anno. 

“Il raggiungimento di questo importante risultato è il frutto della sinergia tra Regione Abruzzo, istituzioni locali e Commissario straordinario – ha detto l’assessore all’ambiente Nicola Campitelli -. Un intenso e complesso lavoro avviato in questi anni e ormai in una fase di completamento, basato soprattutto sull’attività svolta dai nostri uffici, che ringrazio di cuore, i quali hanno collaborato con impegno e abnegazione per raggiungere questo risultato”. 

Parlando di discariche abusive, il pensiero va subito a quella di Bussi, scoperta nel 2007 dal Corpo Forestale provinciale di Pescara. Famosa anche la discarica abusiva a Scurcola Marsicana: il 1 aprile 1994 il Nucleo operativo ecologico sequestrò 90 mila tonnellate di rifiuti. Nel 2019 a Gissi,  nel territorio di Dogliola, è stata scoperta un’area di mille metri quadrati adibita a stoccaggio abusivo e a deposito incontrollato di rifiuti ingombranti, vegetali misti a rifiuti provenienti da attività di demolizione edilizia stradale.   Più recente il caso a Colle Cavaliere di Loreto Aprutino che ha visto due persone indagate per gestione illecita di rifiuti e realizzazione di opere su beni culturali vincolati in assenza di autorizzazione.

A sottolineare l’alta quantità di rifiuti presente nel nostro territorio, sono anche le 11 discariche a forte rischio per l’ambiente e la salute. In Italia sono 44 le più pericolose: 3 siti in Friuli, contro i 23 della Basilicata, 2 in Campania e 5 in Puglia.  

Dal Rapporto del Green City Network emerge che in Abruzzo, nel periodo 2013-2018, la produzione dei Rifiuti è cresciuta +3 kg/ab/anno. La nostra regione è a pari livello della Sardegna, dopo la Puglia che mantiene il primato di rifiuti con una quantità pari a +6 kg/ab/anno.


Print Friendly and PDF

TAGS