Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil di L’Aquila: “Speriamo che alle parole seguano i fatti”

I sindacati: "Brunetta ha detto sì alla stabilizzazione ma non spiega come"

di Redazione | 19 Novembre 2021 @ 13:28 | ATTUALITA'
Minacce sui social brunetta
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil di L’Aquila non sono soddisfatti dell’incontro con il ministro Renato Brunetta in Prefettura sulla vertenza del contact center Inps che vede nel capoluogo abruzzese 560 adetti.

I sindacati chiedono per l’internalizzazione del contact center Inps di utilizzare la clausola sociale, mentre il presidente dell’ente previdenziale Pasquale Tridico ha intenzione di effettuare una selezione pubblica.

“Abbiamo potuto solo ascoltare quello che diceva il ministro Brunetta senza poter fare almeno una domanda”, dicono Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil.

I sindacati aggiungono: “Brunetta ha annunciato che è d’accordo con il ministro del lavoro Orlando sulla stabilizzazione di tutti i lavoratori e quindi sarà presentato un emendamento alla legge di bilancio, tra questi saranno regolarizzati anche i navigator”.

Per Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil “potrebbe essere una buona notizia, ma non sappiamo in che modo saranno stabilizzati i 3.300 lavoratori del contact center Inps, di cui 560 a L’Aquila. Risposte che non abbiamo avuto”.


Print Friendly and PDF

TAGS