Situazione carceri in Abruzzo, Uil Pa: situazione a tinte foschi

Se ne parlerà nel congresso regionale del sindacato della polizia penitenziaria martedì 26 aprile

di Redazione | 21 Aprile 2022 @ 09:25 | EVENTI
gennarino_de_fazio
Print Friendly and PDF

PESCARA – Interverrà direttamente il segretario generale della Uila Pa della polizia penitenziaria Gennarino De Fazio, in occasione del congresso regionale di categoria, per fare il punto della situazione delle carceri italiane in generale ed abruzzese in particolare.

Il congresso che si terrà a nella sala conferenze della Uil Abruzzo di Pescara, in via Tirino, martedì 26 alle 10.00, darà l’opportunità agli addetti ai lavori, e non solo, di fare un quadro degli avvenimenti che hanno e stanno tutt’ora caratterizzando il vissuto dei poliziotti penitenziari all’interno delle strutture carcerarie. La sede di Pescara non è stata, a tal proposito, scelta a caso visto che il carcere territorialmente insistente risulta tra gli istituti abruzzesi quello che ha vissuto un numero di eventi critici tra i più alti in assoluto (aggressioni, evasioni, etc,).

Sono passati 4 anni dall’ultimo congresso.

Anni nei quali, complice la pandemia da Covid-19, si sono scritte pagine nerissime nella storia dei penitenziari italiani (rivolte in moltissimi istituti nazionali).

Un periodo drammatico dal quale a fatica si sta cercando di uscirne fuori. Il tutto ammesso e non concesso che i rappresentanti governativi supportino la causa con interventi fattivi in materia di investimenti.

Un congresso, quello che porterà alla elezione del segretario generale e dei due segretari regionali, oltre che della segreteria nel suo complesso, che imposterà l’impianto programmatico sulla richiesta della rivisitazione della geografia dell’Amministrazione penitenziaria atteso che fallimentare risulta essere stato l’accorpamento del povveditorato abruzzese con quelli laziale.

Al congresso parteciperanno i neo eletti segretari generali territoriale delle 4 province abruzzesi.

L’occasione sarà buona, quindi, anche per fare il punto della situazione a livello territoriale il cui quadro, a livello generale, può definirsi considerati il pessimismo sovrano in tutte le sedi del distretto, a tinte fosche.


Print Friendly and PDF

TAGS