Sisma 2009, precari ricostruzione: al Dpf i dati per stabilizzare quelli del Comune, Usra e Usrc

di Redazione | 07 Maggio 2021 @ 16:07 | ATTUALITA'
fausta bergamotto
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Il Comune dell’Aquila compie un nuovo, importante, passo verso la stabilizzazione dei lavoratori precari della ricostruzione”.

Con una nota a firma del sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, dell’assessore al Personale, Fausta Bergamotto, e del segretario generale, Lucio Luzzetti, è stata inviata al Dipartimento della Funzione pubblica presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri il modulo contenente i dati dei dipendenti in servizio presso l’ente comunale, Usra e Usrc per l’accesso ai fondi del ministero dell’Economia e delle Finanze per le assunzioni a tempo indeterminato, come sancito dalla legge Madia.

“È un altro tassello di un mosaico che si va componendo dalla scorsa estate – aggiungono Biondi, Luzzetti e Bergamotto -. Con il Dl Agosto ci fu una prima apertura per i circa 70 lavoratori del Comune, dell’Ufficio speciale per la ricostruzione dell’Aquila e dell’Ufficio speciale per il cratere, per i quali ci siamo offerti di da fungere da soggetto attuatore. Dopo la battaglia, vinta in Parlamento, per ottenere le coperture necessarie con la legge di Bilancio e la ricognizione del personale comunicata a marzo diamo seguito a quanto concordato ad aprile con il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, durante l’incontro in cui è stata tracciata la road map del percorso volto a dare garanzie a professionalità che da anni sono al servizio delle comunità colpite dal sisma 2009” dichiarano sindaco e assessore”.

Biondi, Luzzetti e Bergamotto concludono: “La lotta al precariato è una priorità di questa amministrazione e, come ribadito anche nell’ultimo piano assunzionale approvato a dicembre dalla giunta, l’obiettivo è coprire totalmente il fabbisogno della pianta organica comunale. Quando nel 2017 ci siamo insediati contavamo 99 unità lavorative (tra Comune e Usra) con contratto a termine: oggi circa la metà sono a tempo indeterminato, così come sono stati inseriti stabilmente all’interno delle dotazioni organiche dei Comuni i 128 Ripam vincitori del concorsone, grazie all’emendamento che abbiamo promosso e che è stato approvato dal primo governo Conte” sottolineano Biondi e Bergamotto. Nella missiva inviata al Dpf, si precisa inoltre, che nell’ottica di “massima partecipazione e trasparenza” l’amministrazione intende procedere con un avviso pubblico”.


Print Friendly and PDF

TAGS