Sfalcio dell’erba, intesa tra Comune dell’Aquila e Provincia: 137km passano ad Asm

di Alessio Ludovici | 15 Settembre 2022 @ 06:00 | AMBIENTE
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Lo sfalcio dell’erba su 137km di strade, di proprietà della Provincia dell’Aquila ma che scorrono sul territorio del Comune dell’Aquila, passerà alle competenze di Asm. Ieri in commissione Territorio – presieduta da Gugliemo Santella – è arrivato il via libera alla convenzione, di durata quinquennale,  tra i due enti. L’ultimo passaggio è previsto in consiglio comunale.

Il problema è che ci sono tratti, soprattutto tra frazioni, che sono di competenza provinciale e i mezzi dell’Asm proprio in quei tratti erano costretti ad “alzare la pala”. “Una cosa – ha spiegato l’assessore Fabrizio Taranta che ha portato ieri la delibera per l’approvazione in commissione territorio – priva di logica e che lascia il cittadino interdetto”. “Voglio ringraziare i consiglieri provinciali Paolo Romano e Dino Morelli – ha spiegato ancora Taranta – che avevano avviato i colloqui con la Provincia quando erano consiglieri provinciali. Il merito è soprattutto loro, noi abbiamo raccolto questa proposta e ci abbiamo lavorato, adesso la portiamo in approvazione. Un buon risultato per noi e per l’Asm, siamo riusciti a lavorare insieme in uno spirito di collaborazione fattivo”. 

Si tratta a tutti gli effetti di una razionalizzazione del servizio che permetterà ad Asm di incassare una somma importante e alla provincia di concentrare i mezzi sul resto di un territorio che conta, in capo all’ente provinciale, oltre 1600km di strade. Ora tutte quelle provinciali che scorrono all’interno del comune dell’Aquila saranno di competenza di Asm per quanto riguarda lo sfalcio dell’erba. Votazione favorevole bipartisan con la sola astensione del gruppo del Passo Possibile che ha sollevato qualche dubbio non sullo spirito dell’iniziativa quanto su alcuni dettagli della deliberazione.

“Ringrazio gli uffici e l’assessore Taranta” il commento di Paolo Romano, capogruppo di L’Aquila Nuova in consiglio comunale. “È stato un lavoro sinergico, si è guardato al bene del Comune e di Asm. Con Dino Morelli abbiamo pensato di offrire ad Asm un servizio ulteriore”. All’azienda partecipata andranno circa 39mila euro l’anno per il servizio aggiuntivo. Per la provincia, che l’estate va spesso in difficoltà con lo sfalcio, è l’occasione di efficiente il proprio servizio di sfalcio. “Non bisogna fermarsi qui, credo che un percorso simile – l’intervento di Romano – possa essere esteso anche allo spazzamento della neve possa”. 

 


Print Friendly and PDF

TAGS