“Semino dunque Resisto”, a Capitignano il confronto su innovazione agroalimentare e biodiversità”

di Redazione | 01 Luglio 2024 @ 11:47 | AMBIENTE
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Si svolgerà domenica 7 luglio, dalle h 14.30, a Capitignano il convegno Semino dunque Resisto, organizzato dallo stesso Comune dell’Alta Valle Aterno e dall’associazione Te.Co – Territorio & Comunità con il patrocinio dell’USRC – Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere, il cui tema è il rilancio dei territori e dei paesi attraverso la valorizzazione delle produzioni agroalimentari tipiche, dei processi di ri-attivazione di comunità basati sullo sviluppo di progetti agricoli, sulla creazione di micro-filiere e sulla conservazione della biodiversità.

Si tratta di un confronto pubblico, diviso in due momenti, l’uno di ascolto delle esperienze, l’altro di confronto attraverso una tavola rotonda tematica,  tra Enti istituzionali, come il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, il Parco Nazionale della Maiella, l’USRC – Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere, il GAL Gran Sasso Velino, e numerose realtà regionali e nazionali che da anni stanno sperimentando buone pratiche volte alla rigenerazione sociale e al rilancio economico tramite progetti di recupero di produzioni agroalimentari, la creazione di piccole economie locali e la salvaguardia dell’ambiente, quali Slow Food, le cooperative di comunità Rocca Madre di Pedaso (FM) e Tavola Rotonda di Campo di Giove (AQ), la CSA Semi di Comunità di Roma o l’Associazione di tutela del Peperone Dolce di Altino (CH).

Un convegno fortemente voluto dall’Amministrazione di Capitignano che non ha solo l’obiettivo di dare seguito al percorso di rilancio comunale basato sulla valorizzazione dei prodotti tipici come la pastinaca, ma che vuole altresì porsi per il futuro come momento di confronto continuativo per l’intero territorio rurale abruzzese, contribuendo alla condivisione di metodi e alla costruzione di una rete solidale e reale con il resto dell’Appennino. Semino dunque Resisto è, dunque, l’inizio di un lungo cammino che vuole portare maggiore attenzione sul settore agroalimentare e sulla conservazione della biodiversità ma anche aiutare comunità e territori, Enti e Istituzioni a strutturare progetti condivisi e politiche concrete per la rigenerazione socioeconomica dei paesi, delle aree interne e delle zone rurali, ricchissime di un potenziale che troppo spesso non riesce a trovare la giusta strada per svilupparsi. 

Programma di Semino dunque Resisto

Data e orario: 7 luglio, 14.30-19.00

Location: Sede Caritas, via Masciovecchio a Capitignano

Struttura del convegno

  • Saluti istituzionali
  • Interventi degli ospiti
  • Tavola rotonda
  • Rinfresco

Saluti istituzionali:

Franco Pucci – sindaco di Capitignano

Valeria Rossi – coordinatrice Promozione Culturale e Comunicazione USRC

Mario Di Lorenzo – direttore GAL Gran Sasso Velino

Tommaso Navarra – presidente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Luciano Di Martino – direttore f.f. Parco Nazionale della Maiella

Interventi:

Luciano Di Martino – direttore f.f. Parco Nazionale della Maiella 

Luca Schillaci – assistente scientifico Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Letizia Bindi – docente discipline demo-etno-antropologiche Università del Molise

Alessandro Feliziani – socio comunità a supporto dell’agricoltura Semi di Comunità

Mary Pazzi – socia fondatrice coop. di comunità Rocca Madre

Olimpia Gobbi – docente di storia moderna e socia fondatrice coop. di comunità Rocca Madre 

Domenico Curciarello – presidente coop. di comunità Tavola Rotonda 

Nicola D’Alonzo – presidente Associazione di tutela del Peperone Dolce di Altino 

Alfredina Gargaglione – presidente Slow Food L’Aquila

Matteo Griguoli – presidente presìdio Slow Food Fagioli di Paganica 

Alessio Di Giulio – presidente Foresta Modello Media Valle dell’Aterno 

Tavola rotonda tematica

Agli interventi degli ospiti farà seguito una breve tavola rotonda di 30 minuti nella quale ci si confronterà per individuare alcune iniziali linee guida, consigli e buone pratiche da condividere con altri territori, paesi e comunità interessate al tema. L’obiettivo del tavolo è tentare di dare avvio alla costruzione di una struttura che possa essere sia rete, sia contenitore di saperi condivisi con il resto delle realtà dell’Appennino Centrale.

Temi della tavola rotonda:

  1. individuazione delle prime azione da compiere per attivare un percorso di crescita socioeconomica attraverso la valorizzazione del settore agroalimentare e la conservazione della biodiversità;
  2. il ruolo della comunità e dei processi partecipativi in questo settore.

Organizzazione

Moderatore: Alessandro Gioia (Chiappanuvoli)

Organizzatori: Comune di Capitignano e Te.Co – Territorio & Comunità ETS

Aiuto comitato scientifico: dr.ssa Rossella Ferretti, dr.ssa Annalisa Spalazzi

Coordinamento: Festival Culturale dei Borghi Rurali della Laga e Massimiliano Monetti

Patrocinio: Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere

Grafiche: Stefano Divizia


Print Friendly and PDF

TAGS