Scuole L’Aquila, rinviato il sit-in sulla ricostruzione: “Cordoglio per il piccolo Lorenzo”

di Redazione | 09 Febbraio 2023 @ 15:52 | CRONACA
pnrr scuola
Print Friendly and PDF

— AGGIORNAMENTO–

Riceviamo dagli organizzatori: “In segno di profondo cordoglio per il piccolo Lorenzo, il sit-in di protesta per la mancata ricostruzione delle scuole, organizzato per sabato 11 febbraio alle 11 sotto Palazzo Fibbioni, è stato rinviato a sabato 25 febbraio, alla stessa ora. Un tragico evento che, ancora una volta, ha toccato una giovane anima e profondamente addolorato l’intera comunità. Ci stringiamo alla mamma e a tutti i suoi cari.”

L’AQUILA – Un sit-in di protesta sotto Palazzo Fibbioni per chiedere la compiuta ricostruzione delle scuole cittadine e servizi adeguati alle esigenze di bambine e bambini.

A convocarlo un gruppo spontaneo di genitori di Sassa che ha invitato a manifestare l’intera città: “l’appuntamento è fissato per sabato 11 febbraio, alle ore 11”, scrivono in una nota.

“A 14 anni dal terremoto, la maggior parte delle scuole della nostra città si trovano ancora in quelle che dovevano essere strutture provvisorie, e i disagi da affrontare, soprattutto nei mesi invernali, sono sistematici e continui: riscaldamenti non accesi per tempo, pessima coordinazione dei servizi scolastici come mensa, trasporto e pre-scuola, piazzali ghiacciati dentro e fuori le aree di pertinenza con conseguenti incidenti.

Siamo stanche e stanchi di vivere in una città che, giorno dopo giorno, vede risplendere antichi palazzi e aprire nuovi locali nel suo centro storico ma che non ha asili nidi e scuole adeguati e subisce una totale non curanza in particolar modo nell’immediata periferia e nelle frazioni, luoghi in cui gli edifici scolastici sono concentrati.

Vogliamo mostrare all’amministrazione comunale che i genitori della città hanno una voce.

La manifestazione di sabato 11 febbraio, per i genitori di Sassa, sarà anche l’occasione per rilanciare la richiesta (già avanzata, ma che verrà ridiscussa) del necessario ampliamento delle strutture delle nostre scuole a partire del prossimo anno scolastico. “Nella nostra zona la popolazione è in crescita, e i Musp che abbiamo non sono più sufficienti: vogliamo una nuova scuola e, nel frattempo, delle strutture adeguate alle esigenze.

Ma l’invito è esteso a tutte le mamme e a tutti i papà che non vogliono più vedere le proprie figlie e i propri figli frequentare edifici non idonei all’attività scolastica quotidiana, spesso in strutture pensate per l’emergenza che oggi sono segnate dall’usura, prive di spazi mensa, biblioteche, aule adeguate al numero di iscritti.

L’invito è esteso a tutte le mamme e a tutti i papà che non si rassegnano all’idea che non sia stato ancora definito un piano di ricostruzione dell’edilizia scolastica, fondamentale per orientare le scelte di vita di una famiglia.

L’invito  – conclude la nota – è esteso a tutte le cittadine e i cittadini convinti che una ricostruzione non può dirsi tale se lascia indietro le scuole, il luogo di formazione delle cittadine dei cittadini di domani.

Per questo, l’invito è a partecipare al sit-in di protesta di sabato 11 febbraio alle 11.00: vi aspettiamo!”.

sit-in


Print Friendly and PDF

TAGS