Scuola, ora di religione: è la Marsica il territorio più “laico” in provincia dell’Aquila

di Redazione | 04 Marzo 2024 @ 17:50 | ATTUALITA'
religione scuola
Print Friendly and PDF

Mentre il Governo decide per un concorso straordinario per gli insegnanti di religione cattolica, gli studenti che non si avvalgono di questo insegnamento aumentano, secondo i dati diffusi dall’UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti).

Ma com’è la situazione in Abruzzo, e nello specifico in provincia dell’Aquila?

Nell’AS 2022/2023 i non avvalentisi* sono il 10,65%.

Differenze, come nel resto d’Italia, si notano tra gradi di istruzione e tipi di istituto; questa la situazione, in percentuale decrescente:

  • Istituto tecnico: 13,23%
  • Infanzia: 12,19%
  • Istituto professionale: 11,55%
  • Secondaria primo grado: 11,20%
  • Primaria: 10,51%
  • Liceo: 7,89%

Spicca l’alta percentuale nelle scuole per l’infanzia, in controtendenza rispetto al dato nazionale.

Inoltre si trovano notevoli differenze sul territorio.

Si evidenziano percentuali di non avvalentisi, sopra il 20% (più di uno studente su 5), in 10 comuni. Di questi 8 sono nella Marsica, col picco di Gioia dei Marsi in cui si arriva addirittura ad oltre 1 studente su 2 (il 50,45% per la precisione).

Soprattutto qui si nota la differenza tra gradi di istruzione, per cui la scuola dell’infanzia ha percentuali di non avvalentisi molto più alta dei gradi successivi. Ancora a Gioia dei Marsi, ad esempio, le percentuali sono le seguenti:

  • Infanzia: 60,71%
  • Primaria: 48,21%
  • Secondaria primo grado: 44,44%.

Infine, per tornare ai comuni, 17 hanno percentuali tra il 10 ed il 20%, mentre i restanti 44 sono al di sotto del 10%.

I dati completi italiani possono essere reperiti (e scaricati) dal sito dell’UAAR.


Print Friendly and PDF

TAGS