Scuola, consegnati i lavori del plesso in via Madonna di Pettino

di Michela Santoro | 01 Marzo 2024 @ 05:00 | UTILI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Scuola, consegnati i lavori del plesso in via Madonna di Pettino – Una superficie di oltre 1000 metri quadrati che potrà ospitare fino a 118 bambini; spazi per la didattica e un’area centrale per lo svolgimento delle attività comuni degli alunni, compresa l’educazione motoria e il servizio mensa.

“Un presidio importante per un quartiere popoloso come quello di Pettino dove sono in cantiere altri interventi finalizzati ad aumentare ulteriormente la qualità dei servizi, realizzato per garantire un’alta sostenibilità energetica grazie all’installazione di impianti fotovoltaico e solare termico”, ha dichiarato il sindaco, Pierluigi Biondi, nelle cui mani è stato consegnato, ieri, il plesso scolastico di via Madonna di Pettino che da settembre ospiterà gli alunni della scuola dell’infanzia Pettino-Vetoio. 

Ad aprire la porta della scuola, la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo Patini di cui la scuola fa parte, Gabriella Liberatore.

I lavori di abbattimento e ricostruzione erano stati inaugurati il 30 marzo del 2022 per un costo di circa 1,7 milioni di euro.

“La consegna dei lavori – ha commentato Massimo Prosperococco del Comitato Scuole Sicure – non vuol dire che la scuola sia tornata viva. Il vero taglio del nastro sarà, ci auguriamo davvero, a settembre, quando i bambini saranno rientrati. Quella di ieri, pertanto, ha più il sapore di una manifestazione pre elettorale”.

“Sono partiti – ha concluso il sindaco – anche i lavori alla scuola media Mazzini, quelli alla scuola dell’infanzia di Bagno sono pressoché conclusi, mentre è iniziata la demolizione del centro polifunzionale di Paganica che ospiterà il polo scolastico onnicomprensivo. A breve daremo l’appalto anche dell’istituto onnicomprensivo di Sassa”.

Oltre al primo cittadino erano presenti il prefetto, Giancarlo Di Vincenzo, il responsabile dell’Ufficio speciale per la ricostruzione dell’Aquila, ente cui era stata affidata la direzione dei lavori, Salvo Provenzano, il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, Massimiliano Nardocci, progettisti, consiglieri e assessori comunali. 


Print Friendly and PDF

TAGS